Caro energia: in Sicilia a rischio posti di lavoro

rischio chiusura delle imprese in sicilia

Condividi questo articolo




Il continuo aumento dei prezzi delle materie prime energetiche pesa sul bilancio delle imprese del terziario, causando un aumento delle bollette. Questa situazione che somiglia tanto a una vera e propria emergenza contribuisce ad abbassare ancor di più i margini di profitto di molte aziende del settore, ciò comporta in alcuni casi un rallentamento della produttività e in altri casi la chiusura delle attività.

 

Secondo una stima della Confcommercio Sicilia ci sarebbero 6.500 imprese a rischio con perdita di circa 19mila posti di lavoro.

I dati  del centro studi di Confcommercio indicano che il prezzo dell’energia elettrica salirà dell’ 82,3%; l’aumento della spesa legata all’energia di circa 464 milioni di euro, per la nostra isola solo nell’ultimo anno, condizionerà molto la vita delle famiglie e i loro consumi, e molte imprese non trovando altre soluzioni potrebbero ricorrere alla chiusura.

In Sicilia, Confocommercio insieme a Ancc-Coop, Ancd-Conad e Federdistribuzione hanno aderito all’iniziativa “Abbassiamo le luci contro il caro bollette“.

Ovviamente si tratta solo di un’ azione dimostrativa che serve a mantenere viva l’attenzione sul futuro delle nostre imprese siciliane.

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scrivi alla redazione!