Matteo Messina Denaro e gli atti spariti: il finanziere termitano Pulici e l’avvocato Ingroia si oppongono all’archiviazione

Sul caso è intervenuto oggi il presidente della commissione antimafia, Nicola Morra

Condividi questo articolo




Il caso relativo alle indagini per la cattura di Matteo Messina Denaro , che ha visto protagonista il finanziere originario di Termini Imerese Carlo Pulici, torna alla ribalta della cronaca. Prima l’archiviazione del caso da parte della Procura di Palermo, ora anche la Procura di Caltanissetta sembra essere dello stesso avviso.

Anche in questa occasione l‘avvocato Antonio Ingroia, legale di Carlo Pulici, coinvolto nella vicenda perché all’epoca dei fatti fu stretto collaboratore  della dottoressa Maria Teresa Principato,  ha presentato opposizione all’archiviazione. Carlo Pulici, dopo una lunga vicenda giudiziaria, è stato assolto da tutte le accuse e continua a chiedere giustizia portando il peso dei lunghi processi che possono definirsi la vera “condanna”.  Secondo Ingroia, dunque,  sussistono molti aspetti della vicenda che andrebbero, opportunamente, chiariti nel corso dell’eventuale fase dibattimentale.

L’avvocato Antonio Ingroia, legale di Carlo Pulici

 Un caso che non vuole passare nel dimenticatoio. Sono tante le ombre secondo l’avvocato Ingroia che ritiene «vi siano tutta una serie di attività investigative necessarie che, nel caso di specie, non sono state poste in essere, nonostante i fatti denunciati siano di rilevante gravità».

L’opposizione alla richiesta di archiviazione è del 23 marzo scorso. L’ultima parola ora spetta al Gip.

 

Sulla vicenda è intervenuto qualche ora fa anche il presidente della Commissione Antimafia, Nicola Morra, che in un post su Facebook manifesta perplessità e ricostruisce le ultime vicende che riguardano l’archiviazione del caso.

 

Il post del presidente della Commissione Antimafia, Nicola Morra, pubblicato qualche ora sul suo profilo Facebook

Riporto la notizia di questa vicenda, che ha ad oggetto le indagini per la cattura di Matteo Messina Denaro, che mi lascia, al momento, molto molto perplesso.
A voi le dovute considerazioni.
——
Nessuno sembra voler indagare sulla scomparsa del notebook e delle due pendrive, con dentro atti d’indagine segreti anche e soprattutto sul super latitante Matteo Messina Denaro, spariti dall’ufficio della magistrata Teresa Principato quando era in servizio alla Dda di Palermo.
A quasi 7 anni di distanza, non si sa che fine ha fatto quel materiale, e adesso la Procura di Caltanissetta, dopo quella di Palermo, chiede di archiviare il caso.
Si è opposto l’avvocato Antonio Ingroia, già pm della Trattativa Stato-mafia, difensore del finanziere Calogero Pulici, più volte rinviato a giudizio per tali vicende e più volte assolto, all’epoca appunto in servizio nell’ufficio di Principato.
I fatti risalgono al 2015, quando Pulici apprende della scomparsa del materiale dall’ufficio e redige automaticamente una relazione di servizio.
La Procura di Palermo apre un fascicolo per “fatti non costituenti notizia di reato” e l’indagine viene chiusa a gennaio 2021. In parallelo, il finanziere e la pm finiscono sotto processo a Caltanissetta per accesso abusivo al sistema informatico, ma saranno entrambi assolti. Lo scorso agosto, Pulici presenta un secondo esposto, stavolta a Caltanissetta.
I pm indagano per abuso d’ufficio e dopo pochi mesi chiedono di archiviare.

Il presidente della Commissione Antimafia, Nicola Morra

Nell’atto di opposizione, Ingroia segnala alcune incongruenze. Secondo il legale, l’inchiesta di Palermo doveva essere trasmessa a Caltanissetta per competenza.
Inoltre, i pm di Caltanissetta avrebbero dovuto aprire un fascicolo per “furto” e non per abuso d’ufficio, perché Pulici denuncia la sottrazione del materiale dall’ufficio. Ed era materiale conservato in una parte del tribunale per il cui accesso era necessario aprire una porta blindata, di cui avevano le chiavi solo Pulici, la dottoressa Principato e pochissimi altri…
Per questo Ingroia ora chiede che vengano ascoltati oltre a Pulici e alla pm, anche Francesco Petruzzella (responsabile informatico della Procura di Palermo), il colonnello della Gdf, Francesco Mazzotta, e l’assistente giudiziario Maria Grazia Palumbo.

La complessa vicenda è stata ricostruita nel libro “Matteo Messina Denaro, latitante di stato” di Marco Bova

Ex assistente della pm Teresa Principato, per la prima volta il finanziere termitano Carlo Pulici si racconta in un’intervista a Marco Bova, accompagnando, asetticamente il lettore nelle varie fasi della vicenda che ha visto emergere degli aspetti, secondo la difesa di Pulici, ancora da approfondire. Il finanziere, per espressa volontà del magistrato lavorava, anche fisicamente a stretto contatto della stessa, disponeva, infatti, di una scrivania all’interno della stanza della Principato. Nell’estate del 2015, dopo trent’anni di servizio presso gli uffici della Procura di Palermo, viene allontanato dall’ufficio, perché denunciato da un collega riguardo a delle, presunte, molestie telefoniche.

Il finanziere termitano Carlo Pulici

Il procedimento venne poi archiviato, si rivelerà, infatti, solo un pretesto per fermare l’appuntato e le sue indagini. Intanto, la posizione di Pulici si complicava, di giorno in giorno, essendo oggetto di accuse sempre più gravi che ledevano, inevitabilmente, la reputazione personale e professionale dello stesso. Tutte le accuse, alla fine, risultarono infondate e sfociarono in archiviazioni o in assoluzioni. Le inchieste che travolsero il finanziere Pulici finiranno per travolgere la stessa Principato, all’epoca a capo del pool costituito al fine di catturare il super latitante Matteo Messina Danaro, e il procuratore di Trapani, Marcello Viola, impegnato, anche lui nel pool, che oltre ad occuparsi della cattura del boss mafioso stava seguendo l’indagine, particolarmente delicata sulla massoneria trapanese e le protezioni eccellenti di cui gode da sempre il latitante, come infatti conferma all’autore la pm Principato: «Sono stata fermata mentre erano in corso le indagini proprio sulla massoneria».

La sconcertante scomparsa dei dispositivi di Pulici, custoditi all’interno dell’ufficio della pm Teresa Principato, è stata infatti denunciata dall’avvocato Antonio Ingroia alla Procura di Caltanissetta, per “gravi omissioni” della Procura di Palermo. Secondo l’avvocato i pm palermitani avrebbero dovuto trasmettere l’inchiesta ai colleghi nisseni, anziché trattenerla e archiviarla a modello 45, cioè i fascicoli privi di notizia di reato.

La vicenda, descritta nei dettagli nel libro-inchiesta, si va a intersecare al subdolo gioco delle piste (che potevano portare alla cattura di Messina Denaro) svelato in un apposito capitolo del libro; piste via via affossate, fatte cadere o abbandonate e nel quale per certi versi rientra anche la vicenda sin qui rimasta inedita per il modo in cui viene raccontata, del cosiddetto sindaco dei misteri, Antonio Vaccarino che rilascia l’ultima intervista all’autore prima di morire di Covid in carcere. Mentre infatti era in corso la caccia a Provenzano, si era tentata l’opportunità di afferrare Matteo Messina Danaro, tramite il discusso ex sindaco. Questa vicenda è svelata in modo inedito con verbali e interviste che nella loro contraddizione mettono a nudo una parte ancora oscura degli anni legati alle stragi degli anni 90. Intanto, Pulici dopo il suo allontanamento dalla Procura di Palermo al rientro dalle ferie estive del 2015, verrà autorizzato a recuperare i suoi file soltanto a dicembre di quell’anno. Il colpo di scena però non tarda ad arrivare: durante l’accesso, accompagnato da alcuni funzionari, Pulici si accorge che mancano all’appello un mini pc da 10’’, utilizzato per tutte le trascrizioni e in cui vi erano custoditi i file di indagine su Messina Denaro, e due pen-drive contenenti il backup. Dove sono finiti quei dispositivi?

L’autore del libro-inchiesta, il giornalista Marco Bova

La storia della cattura mancata di Matteo Messina Denaro, che da quasi trent’anni macchia la buona volontà del nostro Paese ad acciuffare l’ultimo dei corleonesi (quasi sicuramente in possesso di segreti che come incubi ancora ci inseguono) è anche il risultato di una fitta coltre di sovrapposizioni tra strutture investigative, procure, forze dell’ordine e qualche magistrato compiacente come emerge dalla riproduzione inedita di una intercettazione (p. 99). Una caccia che se da un lato, come si leggerà, ha prodotto una lunga serie di depistaggi ed ostacoli agli investigatori in buona fede, si rivelerà anche panacea per una fitta lista di personaggi che da questa avventura hanno beneficiati in termini di carriera.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scrivi alla redazione!