Blutec, Fim Cisl “entro il 7 novembre, deve essere presentato il nuovo piano da parte degli amministratori straordinari per la successiva fase di autorizzazione da parte del MISE e la conseguente proroga della cigs. Si faccia presto”

“Entro il 7 novembre, deve essere presentato il nuovo piano da parte degli amministratori straordinari di Blutec per la successiva fase di autorizzazione da parte del Mise. In questo tempo serve dare ulteriore copertura ai lavoratori con la cigs. Si faccia presto, i lavoratori non possono restare senza ammortizzatori sociali”.

Ad affermarlo sono Antonio Nobile segretario generale Fim Cisl Palermo Trapani e Giacomo Ranieri Rsu Fim Cisl Blutec al termine dell’incontro con il Ministero del Lavoro, svolto in videoconferenza, per l’esame congiunto sulla proroga della cassa integrazione di Blutec, comprendente anche il sito di Termini Imerese.
Il verbale prevede comunque la possibilità di estendere la proroga per tutta la durata dell’amministrazione straordinaria, che ha tempo 24 mesi in caso di approvazione del piano, per realizzare la cessione dei vari asset Blutec. “Ovviamente la proroga oltre il 7 di novembre, per quanto possibile, è legata alle determinazioni alle quali il Mise giungerà sulla prosecuzione dell’amministrazione straordinaria e quindi rispetto al nuovo piano”.

Nobile e Ranieri aggiungono “E’ importante che in questa fase delicata i lavoratori e le loro famiglie non rimangano scoperti dall’ammortizzatore unica fonte di reddito per i lavoratori del sito di Termini Imerese. Bisogna fare presto, i commissari hanno ribadito che minimizzeranno i tempi di presentazione del nuovo piano e ci aspettiamo che il ministero del Lavoro, nelle sue articolazioni, faccia presto rispetto l’iter di approvazione. Apprezziamo la celerità della richiesta e della convocazione da parte del Ministero del Lavoro, sappiamo che l’obiettivo rimane quello di trovare una soluzione industriale anche per il sito di Termini Imerese”. 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *