Termini Imerese: anonimo scrive a don Leonardo, il parroco risponde sui social

scritto da:

Redazione



Non tutto ciò che appare è l’immagine della realtà! Ne ha fatto esperienza l’anonimo autore della lettera a padre Leonardo, ma non si è chiesto se, per caso, dietro le incertezze del parroco ci fosse qualcosa di più importante della “pennichella”. Padre Leonardo risponde da pastore paziente e da uomo comprensivo, consapevole che le “cantonate” possiamo prenderle tutti, ovviamente in buona fede…

La lettera anonima di un parrocchiano termitano

La risposta di padre Leonardo

«Carissimo anonimo, ricordo perfettamente quel funerale e ricordo che non stavo bene. Ho cercato qualcuno che mi sostituisse nella celebrazione ma all’ultimo minuto era impossibile. Per tanto – dopo un colloquio con una persona avuto alle 14.30 – ho celebrato io le esequie e anche volendo non avrei avuto il tempo per la “pennichella pomeridiana”. Ma ti ringrazio per esserti preso cura di me dopo 2 mesi e mezzo con questa lettera anonima. Noi pastori siamo molto ammaccati, ed io più degli altri te lo assicuro, quindi mi rincuora avere persone attorno a me che nell’anonimato hanno uno sguardo di attenzione come il tuo. Che il Signore ti benedica».


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *