Lutto a Montemaggiore Belsito: la comunità piange Andrea Militello

Contenuto a cura di Giuseppe Mesi

Condividi questo articolo



Montemaggiore Belsito si ritrova a piangere un altro angelo, Andrea Militello,  scomparso prematuramente all’età di 43, a causa di un infarto che purtroppo non gli ha lasciato scampo.  Andrea era un uomo gentile, amico di tutti, disponibile ed altruista, tifoso dell’Inter, amava la sua famiglia, in particolar modo suo nipote Angelo che orgogliosamente porta il nome del padre, rispettoso con i genitori e amante degli animali, dei cavalli e della sua Montemaggiore. Di recente Militello ha collaborato nell’operazione dei vigili del fuoco di Palermo per portare in salvo una giovenca caduta accidentalmente in un dirupo.

Andrea Militello

 

Rispettoso delle tradizioni, del lavoro, un grande allevatore, amava i suoi animali e la natura. Sempre pronto ad aiutare il prossimo, a sostenere gli amici più cari che in questo periodo si sono stretti nel dolore e nel ricordo più bello di un ragazzo che tragicamente, a soli 43 anni, non c’è più. Adesso anche lui si unirà agli angeli che hanno lasciato questa vita terrena e continueranno a vegliare come la piccola crucidda che dall’alto osserva Montemaggiore Belsito. 

Il cordoglio del sindaco di M0ntemaggiore Belsito

Con il cuore spezzato, esprimo a nome personale, dell’Amministrazione e dell’intera comunità di Montemaggiore Belisimo profondo cordoglio ai familiari di Andrea Militello.
Andrea era un ragazzo pieno di vita, cordialità e grande generosità, che esprimeva sia in famiglia che con gli amici.
Andrea è stato e rimarrà un figlio, un fratello, un amico, un uomo che ha avuto sempre a cuore il suo paese tanto farlo diventare il centro del suo lavoro e del suo progetto di vita anche grazie all’aiuto di una famiglia sempre presente ed unita.
Oggi, caro Andrea, ti chiediamo di vegliare sui tuoi familiari e su tutta la comunità di Montemaggiore Belsito.
Alla Mamma di Andrea, al fratello Giuseppe, alla cognata Rosalia, ai parenti va il nostro fraterno abbraccio.

 

 

 

 

 

 

 





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *