Pollina sarebbe nato dalla fuga di due amanti

Condividi questo articolo






Si dice che Pollina, quel borgo delle Madonie che sta quasi a cavallo tra Cefalù e Castelbuono,  sia nato dalla fuga di due amanti, Donna Pulina (una principessa normanna) e Ayub (un emiro arabo).

Le rispettive famiglie contrastavano il loro amore e i due fuggirono (la classica fuitina)  per cercare un luogo romantico e isolato in cui realizzare il loro romantico e inoppugnabile castello.

La leggenda dice che abbiano scelto la cima della montagna sulla quale oggi sorge Pollina, costruendo lì il loro castello, tutt’ora in piedi e ben visibile da tutto il circondario.

E poi c’è una seconda leggenda che fa risalire la fondazione di Pollina  agli antichi greci. Si dice che sul “pizzo” ci fosse un tempio dedicato ad Apollo, da cui il nome Apollonia e poi Pollina.

Quindi un paese sacro ad Apollo il dio della poesia, degli oracoli, della luce e del sole.

Testo e video a cura di Mariano Barbara










Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *