Padre Todaro comunica le disposizioni per le esequie a partire dal 4 maggio

Condividi questo articolo



La comunicazione arriva dall’arciprete di Termini Imerese, padre Antonio Todaro, che ha diffuso ai fedeli le disposizioni per le esequie in questo tempo di emergenza sanitaria a partire dal 4 maggio 2020

Carissimi confratelli, per maggiore esplicitazione di quanto comunicato dalla CEI con una Nota complementare al testo del Ministero dell’Interno del 30.4.2020, vi vengono fornite dal nostro Arcivescovo queste disposizioni circa la celebrazione delle Esequie a partire dal prossimo 4 maggio.
Considerato che la Nota della CEI richiede il rilevamento della temperatura corporea per l’accesso alla celebrazione, sarà premura della Diocesi fornire le parrocchie di termometro digitale.

– Poiché la fornitura dei termometri richiede dei tempi tecnici di reperibilità e di distribuzione, nel frattempo un membro della famiglia del defunto fornirà in tempo utile al Parroco della chiesa o al cappellano del cimitero in cui verranno celebrate le Esequie, l’elenco dei 15 familiari ammessi alla celebrazione. Lo stesso familiare dovrà compilare e sottoscrivere una dichiarazione con la quale attesta che nessuno dei presenti alla celebrazione abbia una temperatura superiore a 37.5;
si dispongano e si segnino anticipatamente i 15 posti distanziati che dovranno occupare i fedeli;
le Esequie siano celebrate all’interno della chiesa oppure in spazi aperti delimitati adiacenti ad essa. Ove è ammesso, anche all’interno delle aree cimiteriali;
per favorire le parrocchie di una Zona pastorale che hanno una chiesa poco capiente è auspicabile una collaborazione con i parroci delle chiese più grandi;
prima e dopo la celebrazione della Messa ci si attenga sempre ai criteri di prudenza evitando i saluti e qualsiasi assembramento. Ove lo si ritiene opportuno, per motivi pastorali, le Esequie siano celebrate senza la Messa;
non ci siano cortei per l’ingresso in chiesa del feretro, né alla fine della celebrazione;
la celebrazione sia dignitosa e sobria e si evitino i discorsi finali;
prima della celebrazione della Messa e prima della distribuzione dell’Eucarestia vanno igienizzate le mani con appositi prodotti;
la distribuzione dell’Eucarestia, evitando il contatto fisico, avvenga nelle mani dei fedeli muniti di mascherina. Il celebrante si recherà ai posti di quanti hanno segnalato il desiderio di riceverla;
Il celebrante indossa la mascherina prima della celebrazione ma la posizionerà, coprendo bocca e naso, al momento della distribuzione dell’Eucarestia;
– Per quanto riguarda la sanificazione della chiesa, sia igienizzata mediante un’accurata pulizia delle superfici, con idonei prodotti igienizzanti. Al termine di ogni celebrazione si dovrà favorire il ricambio dell’aria e ripetere l’igienizzazione dei posti occupati dai fedeli. Quanto prima possibile sia effettuata una sanificazione professionale.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *