Blutec Termini Imerese, commissari Blutec: “Disponibili ma vogliamo conoscere il progetto”

Condividi questo articolo



“Blutec spa in A.S. ribadisce la massima disponibilità ad esaminare qualsiasi proposta per la riconversione e riqualificazione dell’area (exFIAT) di Termini Imerese, soprattutto al fine di assicurare la salvaguardia occupazionale. È opportuno, altresì, ricordare che qualunque iniziativa dovrà rispettare, tra l’altro, le procedure previste dalle norme dettate in tema di ristrutturazione di grandi imprese in stato di insolvenza (D.L. 347/2003), anche al fine di non generare vane aspettative per i lavoratori da anni coinvolti nella lunga crisi dello stabilimento”.

É ciò che si legge nel comunicato stampa dei tre commissari che reggono le sorti della Blutec (Giuseppe Glorioso, Fabrizio Grasso e Andrea Filippo Bucarelli) i quali, sempre nello stesso comunicati stampa, ribadiscono “che, al momento, non è stato presentato alcun progetto da parte del Distretto Meccatronica né da altri soggetti riferibili all’ingegnere Mineo”.

L’assessore alle Attività produttive Mimmo Turano ha affermato: “Ho ricevuto il presidente del distretto produttivo della Meccatronica che mi ha esposto un progetto di produzione di presidi sanitari che potrebbero essere realizzati nell’ex stabilimento Fiat di Termini Imerese. Come assessorato alle Attività produttive siamo pronti ad accogliere ed esaminare tutte le proposte e le idee per fronteggiare l’emergenza Covid-19 ed aiutare il nostro tessuto produttivo ma è indispensabile in questa fase non fare fughe in avanti. Ho pertanto invitato il distretto Meccatronica a scrivere agli amministratori di Blutec per avviare un confronto e nel caso di riscontri positivi saremo immediatamente pronti ad attivarci per coinvolgere tutti gli attori istituzionali e le parti sociali- ha  concluso Turano -. Lo stabilimento ex Fiat di Termini Imerese ha una storia travagliata e di grandi delusioni, è dunque fondamentale procedere con ordine e criterio senza alimentare aspettative soprattutto in una fase embrionale del progetto come questa”.

 

Fonte Economy Sicilia





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *