Marta, l’arte del disegnare durante la quarantena

Condividi questo articolo



Marta Ippolito, 17 anni, è di Resuttano (CL). E’ una delle tantissime  ragazze costrette a stare a casa che cerca “di evadere” ma  nel modo giusto,usando solo con la sua semplice immaginazione. Ha da sempre avuto la passione per il disegno ma finora non ha avuto modo per esercitarsi. “La voglia di dare vita ai suoi pensieri” è rimasta nascosta   e  adesso, rilegata in casa, ha deciso di “far respirare” la sua creatività rinchiusa forse  per molto tempo dentro di lei, forse un pò soffocata dagli impegni,dallo studio e da altre distrazioni. Comprende bene la situazione attuale, essendo giovanissima vorrebbe come tutti ritornare ai suoi interessi, alla sua vita normale fatta di amicizie,scuole e certamente,di uscite.

E’ normale che sia così ,alla sua età a maggior ragione. I ragazzi hanno fatto più fatica ad accettare le restrizioni adottate ma con coscienza si stanno sacrificando pure loro per il bene comune. E’ un impegno umano e cittadino serio ed importante, al quale non si può venire meno facendo eccezioni.  Non si possono contare i giorni sul calendario  perché così sarebbero davvero noiosi ed interminabili. Se così fosse,le tensioni e l’agitazione crescerebbero a dismisura, gli effetti collaterali a quel punto, sarebbero davvero troppi.  Bisogna occupare la mente in questo momento, rimanere lucidi e con i nervi saldi. Non entrare nel panico più  di quanto lo siamo già stati finora è fondamentale. E’ una sfida con se stessi, con il proprio autocontrollo e con  la propria pazienza, un esercizio che si deve svolgere e portare al termine anche se arduo.  Necessario è pertanto rilassarsi con qualcosa che quieti l’animo.  Marta si trova così  a creare dei disegni astratti dove lì è felice e di nuovo libera.

I suoi disegni “profumano infatti di libertà, non a caso questo è il suo tema. I desideri che sente e che cerca di ascoltare nel suo silenzio e nella sua pace interiore prendono forma, la matita li annota e tra linee e curve sul foglio di carta, “si esprime”. La ragazza oltre che ispirata  si sente rilassata e scarica le sue tensioni, il suo “voler essere altrove”. << E’ un mio modo per estraniarmi- dice la diciassettenne  descrivendo il suo modo di disegnare- questi giorni li sto vivendo in famiglia dove non mi mancano calore ed affetto ma ho nostalgia di tutti gli altri affetti che spero di poter riabbracciare presto “fisicamente”. Questa esperienza, terribile per quanto sia, mi sta comunque formando  facendomi vedere tutto con occhi diversi.Quando sarò finalmente fuori, credo che mi sentirò cambiata dentro:sarò portata a valorizzare tutto ciò che c’è attorno a me, ad apprezzare meglio ogni cosa, soprattutto i momenti,gli attimi nuovi che  potrò vivere . Mi rendo davvero conto che sono davvero preziosi più di quanto credessi. Chi ha bisogno di comunicare qualcosa di sé adesso, lo faccia attraverso l’arte:si esprima ascoltando ,adeguandosi spontaneamente a ciò che l’animo chiede.  >>.

MA COSA C’E’ DIETRO AD UN DISEGNO?

In generale disegnare, dipingere e realizzare oggetti a mano modellando la creta sono attività particolarmente indicate per stimolare le funzioni cognitive, ridurre lo stress e renderci felici. È un istinto. Si prova a riprodurre qualcosa che ci mette quiete interiore e senso di appagamento.
disegno è un linguaggio naturale pertanto ma anche culturale: tutti gli uomini della storia e di qualsiasi periodo storico hanno sempre disegnato a partire da quello primitivo. È linguaggio pure universale :
Ancor più oggi la comunicazione grafico-visiva costituisce forse il principale sistema di comunicazione fra i popoli.
Non occorre che siate dei pittori provetti la vostra capacità di disegnare potrebbe anche essere anche alla pari di quella di un bambino ma non importa è lo sfogo creativo conta, soprattutto quello liberatorio che deve avere la meglio.
Dietro ad un disegno c’è molto di più, un modo di comunicare della nostra anima, un modo d’espressione della nostra personalità.
I benefici :
Disegnare è un toccasana di felicità assicurata forse perché aiuta a incontrare una parte molto nascosta di noi stessi e a tirare fuori quello che ci rende tristi portando alla rilassatezza.
Distrae e allontanare la mente da una sensazione dolorosa o di malessere.
Dedicarsi a un’attività artistica allena le nostre capacità cognitive. È una carica energetica di fosforo poiché tutto ciò che è disegnato viene ricordato con più facilità.
Combatte l’ansia.
Dedicarsi a un’attività artistica ci fa concentrare e fa allontanare dai cattivi pensieri, dallo stress e dall’agitazione,
Aumenta la concentrazione.
Il consiglio: se meditate troppo fatelo con una matita in mano

Le foto





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *