Coronavirus l’onda d’urto degli effetti devastanti sulle aziende anche a Termini Imerese

Condividi questo articolo

Secondo gli ultimi rilevamenti di Confcommercio le ripercussioni a seguito dell’emergenza Coronavirus hanno danneggiato notevolmente il fatturato delle imprese con indicazioni preoccupanti. Il 90% dei cali si registrano su strutture come bar e ristoranti, il 100% riguarda i locali che organizzano eventi e le discoteche. In ordine troviamo: parrucchieri, fioriai, gioiellerie, accessori, in ultimo il settore alimentare e, strano a dirsi, anche le farmacie. La Confcommercio propone una moratoria sui mutui-sostegno ai datori di lavoro e un forte piano d’investimento sul turismo.

La situazione a Termini Imerese

Anche a Termini Imerese la situazione si presenta preoccupante. Al momento non sono stati comunicati i dati relativi all’andamento del commercio in città, ma abbiamo sentito numerosi imprenditori che lamentano cali di vendite e sono preoccupati per l’incerto futuro. L’unico settore che al momento non sta risentendo della crisi a Termini Imerese è quello alimentare. I supermercati, infatti, sono pieni di cittadini che stanno in fila, anche ore, per acquistare beni di prima necessità (vedi foto scattata questa mattina 10 marzo, alle ore 9,30).

 





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *