Ztl notturna a Palermo: è scontro nella maggioranza del Sindaco

Condividi questo articolo

E’ scontro nella maggioranza del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, in merito alla questione della Ztl notturna. Infatti, secondo il capogruppo di Italia Viva, Sandro Terrani “Non si può limitare l’azione di chi legittimamente ha investito nel territorio, come gli imprenditori firmatari del ricorso contro l’Amministrazione, che temono che questo provvedimento possa danneggiarli”.

Condividi questo articolo

PrimaE’ scontro nella maggioranza del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, in merito alla questione della Ztl notturna. Infatti, secondo il capogruppo di Italia Viva, Sandro TerraniNon si può limitare l’azione di chi legittimamente ha investito nel territorio, come gli imprenditori firmatari del ricorso contro l’Amministrazione, che temono che questo provvedimento possa danneggiarli”.

Evidentemente Sinistra Comune ha bisogno di visibilità e questo è l’unico modo per farsi notare, tutto ciò è vergognoso. Come volevasi dimostrare questa è l’ennesima fuga in avanti che provoca uno scollamento tra la Giunta e la maggioranza in Consiglio“, aggiunge il capogruppo.

Come dichiarato precedentemente, attendiamo la decisione definitiva del TAR per le dovute considerazioni del caso”, conclude Sandro Terrani.

Appare alquanto risibile l’argomento, posto dall’avvocato di Confcommercio, secondo cui la ZTL notturna avrebbe esclusivamente natura ideologica e ciò sarebbe dimostrato dal fatto che Fabrizio Brancato, primo firmatario dell’atto di intervento a fianco del Comune di Palermo, sia stato candidato con Sinistra Comune“,  afferma Barbara Evola, capogruppo di Sinistra Comune al Consiglio comunale di Palermo, la quale sottolinea: “l’avvocato Dagnino ci costringe ad usare un argomento che non avremmo voluto usare, infatti numerosi firmatari del ricorso contro la ZTL sono esponenti politici legati alle forze di opposizione, candidati o amministratori del tempo di Cammarata e sostenitori di consiglieri dell’opposizione. Evidentemente il ricorso contro la ZTL notturna si è caratterizzato per essere una battaglia politica che nulla ha a che vedere col merito del provvedimento“.

La capogruppo di Sinistra Comune elenca poi alcuni nomi: “Eugenio Randi è stato assessore di Cammarata; Doriana Ribaudo è stata consigliera comunale dell’Udc; Giovanni Randisi è stato consigliere dell’ottava circoscrizione, eletto con una lista a sostegno di Ferrandelli; Manuela Plaja è stata candidata al Consiglio comunale in una lista a sostegno di Ferrandelli; Pietro Somma candidato con Ferrandelli al Consiglio comunale; Bartolomeo D’Accardi candidato alla ottava circoscrizione con Ferrandelli; Manuela Quadrante è stata consigliera comunale a Monreale ed è portavoce di +Europa (attuale partito di Ferrandelli); Monica Bracco, componente della direzione regionale di +Europa. Potremmo continuare con un’altra decina di nomi per dimostrare che il ricorso contro la ZTL notturna è solo un pretesto politico che non cura affatto gli interessi economici e la vivibilità della città“.

 





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *