Nuovamente imbrattato il “ciambellone” del Belvedere di Termini Imerese

Condividi questo articolo



Nuovamente imbrattato il “ciambellone” del Belvedere panoramico. Chiamato da tutti “ciambellone”, il monumento d’arte moderna ubicato alla fine del Belvedere di Termini Imerese è opera della scultrice bagherese Rita Sajeva, oggi residente in Lussemburgo.

Il monumento, in realtà,  s’ intitola “Anabasi”, che dal greco antico significa “spedizione, salita” in riferimento all’impresa  di Ciro il giovane –  narrata dallo storico Senofonte nell’omonima opera  – che nel 401 a. C. risalì dalla costa della Persia sino all’interno per usurpare il trono al fratello Artaserse. Già da tempo è stata rimossa e mai ricollocata la targhetta posta alla base del monumento in cui si leggeva il titolo dell’opera e il nome dell’autrice. 

La “ciambella” sinora, molto imbrattata con scritte e disegni, nei giorni scorsi è stata ripulita, grazie ad un progetto comunale riguardante l’istituto della Democrazia Partecipata.

“Il progetto – dice l’architetto Cosimo Serio del 4° Servizio del Comune di Termini Imerese – prevede anche la riqualificazione di parte del Belvedere; è un episodio deplorevole l’avere di nuovo imbrattato il monumento”. Ora l’opera riporta delle scritte nella parte laterale. E con l’ausilio del sistema di videosorveglianza comunale si potrebbe risalire agli autori del recente imbrattamento.

Chi si è divertito imbrattare con un pennarello il “ciambellone” potrebbe essere una ragazza, dato che simpaticamente vi ha lasciato la “firma”, scrivendo “Ciao, sono Gaia, vi voglio bene”. E un’altra scritta, dopo una cancellatura, recita  sotto: “I migliori”.

Il “ciambellone” è quotidianamente frequentato da bambini che si divertono ad “arrampicarsi” sulla base del monumento sino ad affacciarsi sulla finestra circolare che dà sul mare. Dal buco del monumento è infatti direttamente visibile il campanile della chiesa di San Giovanni, all’interno della vicina Villa Palmeri e al tramonto è visibile disco del sole. Il ciambellone è virtualmente presente nel videogioco Pokemon go, col nome di Monumento del Sole.

La presidente della Prima commissione comunale Licia Fullone, solo pochi giorni fa, in merito ai lavori di ripulita del monumento tanto caro si termitani,  ha così commentato sui social: “Nell’ambito dei lavori di sistemazione del Belvedere, finanziati dalla Amministrazione Giunta a dicembre 2018, è stata finalmente ripulita la scultura in marmo realizzata da Rita Sajeva, che era stata deturpata da orribili scritte e disegni. Con la speranza che non venga più vandalizzata, invito tutti i miei concittadini per bene a vigilare e proteggere il nostro patrimonio”.

Soter





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *