Ecox, la proposta dell’imprenditore Angelo Cascino: “Fermiamoci tutti per un’ora”

Condividi questo articolo






Ancora la vicenda Ecox al centro del dibattito. Questa volta sono gli imprenditori termitani ad alzare la voce. 

“Proporrei a tutte le Associazioni locali, agli imprenditori, alle associazioni di categoria, ai Sindacati, alle Scuole e a tutti gli uffici pubblici e privati – ha affermato l’imprenditore termitano  Angelo Cascino sul suo profilo Facebook , di individuare una data in cui bloccare per un’ora tutte le attività a Termini Imerese in segno di protesta contro questo scempio chiamato ECOX. Che ne pensate?”

 

 

 

“Compost aerobico? Puzza e vale poco”

Gestire i rifiuti organici in impianti aerobici o anaerobici? Non ha dubbi il presidente di Fise Assoambiente, Chicco Testa, secondo cui bisogna puntare su impianti di digestione anaerobica che permettono la produzione di biogas e biometano. Il processo aerobico, che si svolge in presenza di ossigeno, spiega Testa all’Adnkronos, oltre ad avere problemi legati al cattivo odore, “trasforma il rifiuto organico in un concime a bassa intensità che vale anche molto poco da un punto di vista economico”.

Per evitare il cattivo odore, sottolinea Testa, “bisogna fare impianti molto complessi, per esempio in depressione, capaci di trattenere l’aria all’interno, ma sono abbastanza costosi”. Con il processo anaerobico, invece, che si svolge in assenza di ossigeno, “dalla frazione umida dei rifiuti si estrae biogas, e volendo anche biometano, per il quale si riceve un buon prezzo e che si può immettere anche nella rete del gas”.

Inoltre, aggiunge Testa, da questo processo si ottengono “altri due sottoprodotti: uno è l’anidride carbonica, che si può vendere all’industria alimentare in quanto è un additivo per le bibite gasate; e l’altro è compost che, anche se in quantità minore, è sicuramente più pulito”. Gli impianti aerobici, dunque, sono da demonizzare? No, se si tratta di piccoli impianti per servire piccole comunità ma che, avverte Testa, devono essere comunque realizzati in posti abbastanza isolati così da evitare il problema del cattivo odore.








Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *