Protesta allo svincolo Resuttano, Lo Verde: “I cibi a Km 0 sono pilastri della dieta mediterranea” VIDEO

2 min read

Rimani sempre aggiornato


Un nuovo presidio lungo lo svincolo di Resuttano.

Trecento persone presenti per richiamare l’attenzione del governo e per ottenere garanzie sul lavoro, diritti per la vendita dei prodotti.

Le aziende si sentono vicine al collasso. Troppi, i vincoli e limiti imposti. L’esasperazione è generale. Le risposte concrete ancora non sono arrivate. Il cammino sembra essere ancora lungo e nessuno vuole arrendersi.

Ieri, bloccati a Pozzallo, nel porto, diversi camion con grano canadese. È un no generale.

A Resuttano il presidio si è concluso nel pomeriggio con un pranzo con prodotti tipici al fine di rimarcare la preziosità di ciò che viene prodotto e coltivato nel territorio ricavato dagli allevamenti e dall’ agricoltura locale. Distribuiti abbondantemente, pane con l’olio , formaggio, salsiccia, lenticchie, vino.

Tutto a km 0. Presente in prima linea, il dietista Piergiorgio Lo Verde, a favore dell’alimentazione mediterranea e dei cibi biologici.

La rubrica web sull’alimentazione, oggi diventa uno speciale di comparazione fra prodotti esteri e mediterranei posti a confronto.

Piergiorgio, è dell’idea che «I cibi a Km 0, sono pilastri della dieta mediterranea,  fanno parte della cultura locale– sostiene il dietista – Preziosi, non solo dal punto di vista nutrizionale, organolettico e salutistico ma anche dal punto di vista antropologico».

Video: 

https://youtu.be/-4atpDPrvqw?si=M4pL6f7ll3rmfp11
CONTINUA A LEGGERE SU HIMERALIVE.IT


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Leggi anche

Altri articoli: