Chiusura svincolo Termini Imerese: sindaco di Caccamo chiede ristoro per gli esercenti

2 min read

Rimani sempre aggiornato


«Abbiamo avuto modo di esternare il disagio delle nostre comunità e le nostre perplessità dinanzi al Prefetto di Palermo. L’incontro di stamane è stato costruttivo. Abbiamo chiesto dei ristori per compensare il danno agli esercenti ma soprattutto un’accelerazione dei lavori tramite una turnazione h24, ciò al fine di ridurre il più possibile i tempi di chiusura». 

Lo ha dichiarato il sindaco di Caccamo Franco Fiore a margine della riunione, tenutasi nella mattinata di oggi presso la Prefettura di Palermo, per affrontare il disagio provocato ai comuni di Termini Imerese, Caccamo e Trabia a seguito della chiusura dello svincolo di Termini Imerese dell’autostrada A19

Nei giorni scorsi, infatti, l’Anas ha annunciato la chiusura di questo tratto autostradale per effettuare lavori che dovrebbero durare ben otto mesi. 

Alla riunione odierna hanno partecipato i rappresentanti dell’Anas, della Regione Siciliana, della Città Metropolitana ed i sindaci dei comuni di Termini Imerese, Caccamo e Trabia

«Tutte le parti interessate, ovvero Anas e Regione, hanno assunto l’impegno di valutare la fattibilità delle nostre richieste. Inoltre saremo costantemente aggiornati sullo stato di avanzamento dell’opera», ha concluso il primo cittadino di Caccamo, ringraziando il Prefetto per aver organizzato questo importante incontro facendosi mediatore tra gli Enti.
CONTINUA A LEGGERE SU HIMERALIVE.IT


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Leggi anche

Altri articoli: