Le materie STEAM conquistano gli studenti e le studentesse del “Gregorio Ugdulena” di Termini Imerese e Caccamo

4 min read

Rimani sempre aggiornato


L’Open day “Obiettivo 4C”, svolto nei giorni scorsi al Liceo artistico e al Liceo classico “G.Ugdulena” di Termini Imerese e all’Istituto Alberghiero “G.Ugdulena” di Caccamo, è stato un successo.

Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e cofinanziato dalla Fondazione CDP (Cassa Depositi e Prestiti).

«Abbiamo creato questo progetto con l’obiettivo di coinvolgere molti ragazzi e ragazze – dice Marina Saitta, responsabile del progetto – Le materie STEAM (Scienze, Tecnologia, Ingegneria, Arti e Matematica) sono fondamentali e svolgono un ruolo cruciale nella società odierna e, soprattutto, sono spendibili nel mondo del lavoro».
Il progetto prevede la sperimentazione di metodologie didattiche innovative nei percorsi curriculari e la messa a punto di percorsi extracurriculari, che valorizzino lo studente come risorsa e lo motivino nella crescita educativa e culturale.

La diffusione della cultura digitale nelle scuole è un obiettivo prioritario. Le discipline STEAM sono considerate l’asse portante di un sistema scolastico orientato al progresso scientifico e tecnologico.

I lavori nel mondo reale sono interdisciplinari, per cui l’obiettivo è quello di cercare di educare i ragazzi e le ragazze su come le materie si integrano, al fine di promuovere un apprendimento divertente, permettendo di trasformare il pensiero in qualcosa di concreto e tangibile. Si tratta di imparare a pensare in modo critico e valutare le informazioni.

“Obiettivo 4C” abbraccia le 4 C identificate come chiave nell’istruzione del ventunesimo secolo, altamente spendibili sul mercato del lavoro: creatività, collaborazione, pensiero critico e comunicazione.

Tra qualche settimana, gli studenti e le studentesse avranno l’opportunità di partecipare a laboratori di: Robotica e coding, FabLab, Tecnologia e Informatica musicale, Tecnologia e arte, Escape room, Biosistem Lab, Scacchi-Pugilato e cittadinanza attiva, orientamento e legalità.

Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e cofinanziato da Fondazione CDP (Cassa Depositi e Prestiti). Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo.

Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD.

«Il nostro collegio docenti ha creduto molto in questo progetto – commenta Patrizia Graziano, dirigente scolastica dell’Istituto di Istruzione Superiore “G.Ugdulena” – Ci abbiamo creduto perché sono attività alternative a quelle che generalmente si svolgono a scuola che riescono non soltanto a innalzare l’offerta formativa, ma a lavorare su quelle abilità trasversali che i ragazzi e le ragazze necessitano. Veniamo fuori dal periodo pandemico che ci ha isolato molto. Per questo motivo – aggiunge la dirigente scolastica – ritengo che gli studenti e le studentesse hanno bisogno di riscoprire, nella scuola, non soltanto il curriculare, ma anche l’extracurriculare che li motiva e li spinge ad un’autonomia di pensiero e di azione per una crescita globale, che possa aiutarli ad affrontare con più consapevolezza le sfide di oggi e del futuro».

“Obiettivo 4C” nasce dalla collaborazione di Enti appartenenti, apparentemente, a realtà differenti, quali quella sociale e quella scientifico-matematica, ma che sono invece strettamente interconnesse tra loro. I partner insieme vogliono fondere le proprie conoscenze e competenze partendo dalla certezza che “l’esperienza è il solo insegnante in cui possiamo confidare”.

Infatti, i percorsi proposti sono incentrati sulla didattica laboratoriale in cui i ragazzi e le ragazze sono gli attori in un ambiente di apprendimento attivo, stimolante e collaborativo. I protocolli aperti alle esperienze tengono conto di contributi e scelte dei ragazzi e delle ragazze, nell’ottica del making e del tinkering.

Gli alunni e le alunne, pertanto, saranno guidati a scoprire la stretta connessione tra scienze – tecnologia – arte – matematica e aspetti pratici della vita quotidiana e, quindi, a comprendere l’utilità di queste discipline, la cui bellezza sta proprio nel procedere per tentativi ed errori, come si fa nella vita.

Fanno parte del progetto “Obiettivo 4C”: Luna Nuova – Società Cooperativa Sociale, I Sicaliani Cooperativa Sociale, Accademia IRSEI (Istituto di Ricerca per lo Sviluppo, l’Economia e l’Innovazione, AIPM (Accademia Italiana per la Promozione della Matematica) “Alfredo Guido”, Novi Familia Cooperativa Sociale a r.l., Turismosicilia e Conservatorio di musica “Alessandro Scarlatti” di Palermo.
Per ulteriori informazioni: Luna Nuova (091/954444 – segreteria@luna-nuova.org).
CONTINUA A LEGGERE SU HIMERALIVE.IT


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Leggi anche

Altri articoli: