Termini Imerese: i beato Agostino Novello erano due?!

2 min read

Rimani sempre aggiornato


La storia del Beato Agostino Novello è parecchio ingarbugliata, e in qualche passaggio pure controversa. Il nostro concittadino Barone Jannelli la definì senza mezzi termini “falsata”; descrivendolo a sua volta così:

“…il Novelli comparisce un fiacco difensore del suo Re, un fuggiasco dai campi di Benevento, ed un Ghibellino fattosi monaco e per giunta Guelfo…” – Direi un giudizio poco gratificante!
Insomma districarsi nei meandri biografici del nostro patrono pare non sia mai stata cosa facile; al punto che alcuni secoli fa ci fu chi, dopo appropriate ricerche, sentenziò che in realtà di Beato Agostino ne erano esistiti due. Quello che qui vi riporto, è ripreso da un testo storico di Giuseppe Orsini del 1707 dal titolo “Vita del Beato Agostino Novello da Tarano in Sabina” nel quale è così testualmente scritto:
“…Son doi li Beati Agostini Novelli…uno è Matteo Spinelli da Tarano in Sabina, l’altro è Matteo da Terme siciliano…Che siano doi gli Agostini Novelli, splendori della Religione, uno di Sicilia e l’altro di Tarano in Sabina, è più palpabile che il sepolcro di Cestio, poichè il primo vien considerato sotto Federico e Manfredo suo figlio, e il secondo viene osservato solo al servizio di Manfredo…”

Il nome di Matteo Spinelli ricorre pure in un testo di Giuseppe Marocco pubblicato nel 1833 dal titolo “Monumenti dello Stato Pontificio” nel quale ad un certo punto, riferendosi al borgo di Tarano in Sabina, l’autore così riporta:
“…Vi fiorirono uomini illustri per santità, e per dottrina, il primo de’ quali fu il B. Agostino Novello, agostiniano, al secolo chiamato Matteo Spinelli…” – Risulta peraltro, che nella chiesa principale di questa cittadina, dedicata all’Assunta, in una custodia d’argento si conservi come reliquia un dito del Beato Agostino Novello.

Quindi, secondo taluni storici abbiamo un Matteo Spinelli da Tarano e un Matteo da Terme detto il Siciliano ambedue noti come Beato Agostino Novello. Io, anche per evitare ulteriore confusione, non aggiungo altro.
CONTINUA A LEGGERE SU HIMERALIVE.IT


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Leggi anche

Altri articoli:

+ There are no comments

Add yours