Niente sole se c’è la R

2 min read

Rimani sempre aggiornato


Probabilmente sono pochi quelli che conoscono il proverbio siciliano che dice: “Nte’ misi ca erri, un ti méttiri ‘o suli, e mancu ‘nterra”.

E’ un vecchio modo di dire che tanti anziani ancora ben ricordano e che consiglia di non esporsi troppo al sole nei mesi il cui nome contiene la consonante “R” –

I mesi con la erre sono: Jnnaru, frivaru, marzu, aprili, sittémiru, ottobbri, novembri e dicembri; ed i nostri antenati ne avevano fatto una regola di vita e ben si guardavano dal non rispettarla. Ma perché questo modo di pensare? Ebbene questa pratica che era in uso almeno fin negli anni cinquanta del secolo scorso, era dovuta alla convinzione che prendere il sole in quei mesi in cui comunque le temperature erano instabili e l’aria fresca, procurava mal di testa, mal di gola, ma anche il riacutizzarsi di dolori articolari e problemi alla pelle.

Non so se ciò rispondesse a verità e se avesse qualche fondamento scientifico; ma le credenze popolari di un tempo derivavano spesso da dati empirici fondati sulla esperienza diretta. Quindi nel dubbio fate anche voi attenzione perché come recitava un altro nostro antico proverbio….”Non tuttu u bbeni giuva e non tuttu u mali noci”.
CONTINUA A LEGGERE SU HIMERALIVE.IT


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Leggi anche

Altri articoli:

+ There are no comments

Add yours