Riunione di condominio finisce in tragedia: uomo spara, morte tre donne e quattro feriti

NOTIZIE DI CRONACA DALL’ITALIA

Condividi questo articolo




Momenti drammatici questa mattina a Roma dove un uomo ha sparato nel corso di una riunione di condominio. In queste ore è stato fermato l’uomo accusato di aver ucciso tre donne: Sabina Sperandio, Elisabetta Silenzi e Nicoletta Golisano. 

Il fermato è Claudio Campiti, 57 anni. La strage è avvenuta in un bar della Capitale, in via Monte Giberto, nella zona di Fidene.

Quattro persone sono rimaste ferite, tra cui una donna di 50 anni, ferita al cranio, in gravissime condizioni.

E’ ricoverata all’ospedale Sant’Andrea. “É in prognosi riservata ed è stata sottoposta ad intervento chirurgico ed ora in rianimazione”, fa sapere l’assessore alla Sanità della Regione, Lazio Alessio D’Amato.

“Uno dei tre feriti è stato trasportato al Policlinico Gemelli, 67 anni, ferito al volto, una al Policlinico Umberto I donna, 80 anni, ferita al torace. Un altro uomo, 65 anni, presente all’evento è stato colto da malore ed è stato portato in stato di shock all’ospedale Pertini”, aggiunge l’assessore D’Amato.

I carabinieri della scientifica di via in Selci hanno effettuato i rilievi all’interno del gazebo che il Consorzio Valleverde aveva affittato per svolgere la riunione. Si tratta di una organizzazione che gestisce villette nella zona del lago di Turano, utilizzate come seconde case dai consorziati. 

LE TESTIMONIANZE A CURA DI ANSA.IT

“Mi sono gettato addosso a lui e l’ho bloccato”: è quanto ha raccontato agli inquirenti il 67enne che ha fermato Claudio Campiti. Il teste è attualmente ricoverato al policlinico Gemelli perché ferito. Ricordando i drammatici minuti della sparatoria ha aggiunto: “Ha esploso il primo colpo, poi ha esploso il secondo proiettile uccidendo la seconda persona. Ha colpito poi la terza donna. Io ero il quarto, ma sono intervenuto”.

“E’ entrato nella sala, ha chiuso la porta e ha urlato vi ammazzo tutti e ha cominciato a sparare”, ha raccontato una testimone che era presente.

“Ho provato a saltargli addosso ma già altri gli si erano buttati addosso. Aveva bloccato la porte e ci ho messo un po’ per far uscire la gente. Se non fosse stato per noi sarebbe stata una strage, aveva 2 caricatori e altre cartucce. Ho visto una ragazza accanto a me che è stata colpita ed è morta”, ha raccontato un uomo presente alla sparatoria.

“Era un consorziato conosciuto da tutti e in passato aveva fatto minacce verbali”, racconta un’altra testimone. Claudio Campiti “avrebbe sparato contro il consiglio di amministrazione del consorzio – ha aggiunto la testimone -.L’arma si è inceppata ad un certo punto ed è stato bloccato da alcuni consorziati che hanno anche sbloccato la porta. Io mi sono salvata perché mi sono messa sotto il tavolo e sono riuscita ad uscire a carponi dalla sala”, ha affermato la donna ancora sotto shock.

LA PISTOLA
Ha prelavato questa mattina la pistola al poligono di tiro di Tor di Quinto, a Roma, Claudio Campiti. In base a quanto si apprende, l’arrestato sarebbe arrivato al poligono in orario di apertura e dopo avere lasciato un documento di identità si sarebbe fatto consegnare la pistola Glock, una semiautomatica, con cui si è poi allontanato per raggiungere via Monte Giberto, teatro della tragedia, dove ha esploso almeno 4-5 colpi prima di essere bloccato da alcuni presenti. Anche su questo aspetto della vicenda sono in corso verifiche da parte degli inquirenti coordinati dalla Procura di Roma.

Campiti aveva chiesto il porto d’armi ma gli era stato negato. Il no era arrivato grazie alle informazioni fornite dai Carabinieri del luogo dove viveva, in provincia di Rieti, che avevano riferito delle liti in atto con il Consorzio.

Una medaglia con un fascio littorio e il motto fascista ‘Molti nemici molto onore’, ‘soldatini’ con le fattezze di Hitler e Mussolini, assieme a decine di foto di quelle che sembrano gite domenicali a Roma, a Villa Adriana di Tivoli tra gli altri: è quanto si vede sul profilo Facebook di Claudio Campiti. 

Benvenuti all’inferno, qui con il codice penale lo Stato ci va al cesso, denunciare è tempo perso, so’ tutti ladri”. E’ quanto scrive Campiti sul suo blog dedicato al Consorzio Valle Verde. Il post, del 2 novembre 2021, è un lunghissimo elenco di accuse agli altri consorziati, riferimenti a presunte “mafie” e passaggi inquietanti come “Mi stanno tenendo senza pubblica illuminazione, si sa al buio si vede meno e si può sparare in tranquillità”.

Gravissimo l’episodio di violenza che sconvolge la nostra città. Tre vite spezzate e feriti gravi per una sparatoria durante una riunione di condominio. Sono in contatto con il Prefetto e domani parteciperò al Comitato per l’ordine e la sicurezza. La mia vicinanza alle famiglie”. Lo scrive, su Twitter, il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!