A Termini Imerese la Favazza è poesia

A CURA DI NANDO CIMINO

Condividi questo articolo




Questo nostro concittadino che vedete in foto, si chiama Giuseppe Lo Cascio ed alla età di “soli” 98 anni, ha ancora una mente lucidissima ed ama scrivere versi. Egli attraverso le poesie rivive i ricordi della sua gioventù; come quelli legati anche alla festa della Immacolata, al Natale, ed alla favazza.

E quindi proprio oggi, giorno dedicato alla Sagra della Favazza, voglio proporvi una sua poesia che ha per titolo:

A FAVAZZA TIRMINISA

E’ festa ri Natali.
Trarizioni ri stu me paisi
è a bella favazza tirminisi.
‘Ntè curtigghia e ‘ntè vaneddi cu li tigghi si furriava
e unni c’erinu furnara chi ciauru sbummicava!

U furnu si ijardeva ca ramagghia chi bruciava
e ca scupa ri curina ca u ginisi scacazzava.
Ronna Ciccia a panittera a favazza priparava
ggià ‘mpastannu ri matina acqua e sali, criscenti e farina.

U pastuni, ‘ntà tigghia untata d’ogghiu si mitteva,
e cu pumaroru, sardi salati, caciu cavaddu,
cipuddetti e passuluna la conza si priparava.
Accussì fatta a lu furnu si purtava
e poi puru riniu, ogghiu novu e caciu saliatu s’agghiunceva.

Era Natali e tutta a famigghia a tavula manciava,
e pi fari festa a quacchi amicu puru si mmitava.
A sira cuntenti ‘nzemmula si jucava;
e cu fisarmonica e friscalettu c’era puru cu abballava.

Giuseppe Lo Cascio


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it






Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!