Termini Imerese: paziente novantenne scappa dall’ospedale, ritrovato in pigiama per strada

La segnalazione dei lettori

Condividi questo articolo




Riportiamo un episodio spiacevole accaduto lo scorso 9 novembre nell’ospedale “Salvatore Cimino” di Termini Imerese.

Sono proprio i parenti del protagonista che raccontano alla redazione con grande disappunto e sgomento, la disavventura accaduta al loro caro.

La segnalazione dei lettori: ecco cosa è successo

«Mio padre, un anziano di 90 anni, in attesa da tre giorni per il ricovero in una stanza per curare la broncopolmonite, ha atteso su una poltrona. Ovviamente, secondo le norme anti-covid vigenti, nella struttura ospedaliera i parenti non possono accedere ed eravamo all’oscuro della situazione del nostro caro. Dopo una lunga attesa durata tre giorni mio papà, esasperato, ha deciso di andare via ed è scappato, incustodito, infreddolito ed ancora in pigiama».

Una volta ritrovato, l’anziano alla richiesta di chiarimenti sul gesto ha replicato: «Volevo andare a mangiare e a lavarmi!»

La segnalazione dei parenti arriva con ancor più disappunto anche perché nessuno si è accorto di nulla.

L’uomo è stato visto casualmente da alcuni termitani mentre girovagava per le strade di Termini Imerese in pigiama, tremante e barcollante, appoggiato sul suo bastone. Così, subito è stato contattato il 113 che, a sua volta, ha chiamato i familiari.

I parenti, molto dispiaciuti, esclamano: «Fortunatamente è finita bene, ma è stato scampato il peggio, certe cose nel 2022 non dovrebbero accadere!».

Questa la segnalazione dei familiari che si assumono la responsabilità di quanto raccontato, la redazione di Himeralive ha contattato l’Asp di Palermo che, in una nota, afferma: «La direzione aziendale ha immediatamente avviato un’indagine interna al fine di valutare i fatti segnalati». 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!