Guardia di Finanza: indagato il sindaco di Sortino, avrebbe falsificato selezione revisore contabile




I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Siracusa, in data odierna, hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare del divieto di dimora nel Comune di Sortino, disposta dal G.I.P. del Tribunale di Siracusa nei confronti del Sindaco, indagato per i reati di falsità ideologica per induzione commessa dal pubblico ufficiale e abuso d’ufficio.

Le investigazioni, dirette dalla Procura della Repubblica di Siracusa e condotte dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Augusta, hanno fatto emergere come il primo cittadino sortinese, nel mese di ottobre 2020, abbia falsificato l’esito della procedura selettiva per la nomina del revisore contabile del Comune, che dev’essere svolta mediante sorteggio secondo quanto previsto dalla normativa regionale.

Le indagini esperite dai Finanzieri ed in particolare l’analisi del video della seduta consiliare durante la quale si è tenuto il sorteggio hanno permesso di acclarare come il Sindaco, chiamato ad estrarre il bigliettino dall’urna, avesse già un foglietto bianco tra le mani; una volta inserito il braccio nel bussolotto, ne estraeva uno identico per colore, forma e dimensioni rispetto a quello tenuto in mano (Link pubblico del consiglio comunale del 07/10/2020 dalla pagina Facebook ufficiale del Comune di Sortino:https://www.facebook.com/comunedisortino/videos/consiglio-comunale-del-07-10-2020/2691490884396941).

Gli accertamenti svolti dai Finanzieri hanno consentito di riscontrare come il bigliettino estratto fosse stato stampato su una tipologia di carta differente rispetto a tutti gli altri e la cifra impressa sullo stesso presentasse un carattere diverso.

Il numero sorteggiato, inoltre, corrispondeva ad una partecipante la quale, tra gli oltre duecento candidati alla selezione, era l’unica già assegnataria di incarichi affidati dal primo cittadino negli anni precedenti, anche a titolo fiduciario: per una di queste nomine, il Sindaco era già stato condannato dalla Corte dei Conti di Palermo al risarcimento di un danno erariale di oltre 30.000 euro, in quanto affidata in violazione di legge.

L’attività svolta in data odierna testimonia la centralità della Guardia di Finanza nel supporto all’Autorità Giudiziaria nelle indagini da questa coordinate in materia dei reati contro la Pubblica Amministrazione e contro ogni possibile forma di abuso nella gestione della Cosa pubblica.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!