Arrestati due corrieri con 10 chili di droga a Buonfornello, uno è percettore di reddito di cittadinanza

PALERMO: SEQUESTRATI 10 KG DI HASHISH IN PROVINCIA DI PALERMO

Condividi questo articolo



I finanzieri del Comando Provinciale di Palermo hanno sequestrato circa 10 chili di sostanza stupefacente di tipo hashish, occultata in un’autovettura sottoposta a controllo nei pressi dello svincolo autostradale di Buonfornello.

In particolare, nella mattinata dello scorso 8 luglio, nel corso di servizi di istituto tesi al contrasto del traffico di stupefacenti e traffici illeciti in genere, una pattuglia del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Palermo sottoponeva a controllo un’autovettura e procedeva all’identificazione dei due soggetti trovati a bordo, i quali, nel corso delle operazioni, si mostravano da subito particolarmente agitati e insofferenti.

Pertanto, i militari operanti effettuavano una più approfondita attività di ispezione del mezzo, rinvenendo, grazie al fiuto del cane antidroga J-AZ del Gruppo Pronto Impiego di Palermo, 20 involucri di plastica trasparente, suddivisi in 5 cosiddetti “panetti” avvolti da nastro d’imballaggio e muniti di adesivo nero riportante la scritta “JUST HIT IT”, abilmente occultati in un vano ricavato all’interno della portiera posteriore sinistra dell’auto, contenenti complessivamente 9,619 kg di hashish.

Lo stupefacente, qualora immesso sul mercato, avrebbe fruttato al dettaglio ricavi per oltre 14.000 euro.

I corrieri, entrambi di nazionalità italiana, sono stati tratti in arresto in flagranza di reato e condotti presso la Casa Circondariale “Pietro Cerulli” di Trapani, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Termini Imerese.

Uno dei due corrieri, inoltre, è risultato percettore del c.d. “reddito di cittadinanza”, beneficio che, per effetto del provvedimento cautelare, verrà immediatamente sospeso come previsto dalle vigenti disposizioni.

Continua e si intensifica durante il periodo estivo l’attività della Guardia di Finanza a contrasto dei traffici illeciti, per la tutela della sicurezza economico – finanziaria dei cittadini, mantenendo costantemente alta la guardia rispetto al fenomeno del traffico di stupefacenti, primaria fonte di finanziamento della locale criminalità organizzata.
Si evidenzia che il provvedimento in parola è stato emesso sulla scorta degli elementi probatori acquisiti in fase di indagine preliminare, pertanto, in attesa di giudizio definitivo, sussiste la presunzione di innocenza. 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.