L’ultimo suonatore di novene: il termitano Domenico Brancato

1 min read

Rimani sempre aggiornato


Un video di MARIANO BARBARA


A Termini negli anni 50 viveva un suonatore di violino, l’unico esistente in quegli anni, che andava nelle chiese a suonare e cantare le novene, nelle case private ed era richiestissimo.
Per natale suonava e cantava novene natalizie e per il giorno dei morti cantava lamenti funebri fra le tombe del cimitero.
Non era nè vecchio, nè cieco come di solito in Sicilia sono “quasi tutti” questi suonatori.
Si chiamava Domenico Brancato di Termini Imerese ed era un vigoroso giovanotto, nato nel 1935 o 1936, con due occhi scuri e vivi, dal portamento disinvolto e sincero.
Lo si vedeva sempre in giro, col suo violino sotto il braccio, e si fermava a suonare nelle strade e nei vicoli della città dove aveva tantissimi clienti e chi, chi più chi meno, dava il suo piccolo contributo.
Addirittura dopo avere accontentato un po’ tutti, si recava addirittura a piedi fino a Trabia dove aveva altri clienti, per poi tornare di nuovo a Termini.
Se vuoi saperne di più guarda il video – BUON NATALE
[embedyt] https://www.youtube.com/watch?v=oXsScfJm1mE[/embedyt]


CONTINUA A LEGGERE SU HIMERALIVE.IT


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Leggi anche

Altri articoli:

+ There are no comments

Add yours