Carabinieri: arrestato complice duplice tentato omicidio in provincia di Palermo

ARRESTATO, IN ESECUZIONE DI ORDINANZA DI CUSTODIA CAUTELARE, UN ALTRO SOGGETTO COINVOLTO NEL DUPLICE TENTATO OMICIDIO AVVENUTO A CINISI IL 10 OTTOBRE 2021

Condividi questo articolo



I carabinieri della compagnia di Carini hanno dato esecuzione ad un’ ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Palermo su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un soggetto ritenuto gravemente indiziato di aver preso parte, congiuntamente ad altro indagato già detenuto in carcere, al duplice tentato omicidio a vvenuto il 10 ottobre 2021 a Cinisi, in Corso Umberto I, nei pressi di un distributore di carburanti.

 

I reati contestati sono tentato omicidio aggravato e premeditato, detenzione e porto abusivo di arma comune da sparo nonchéricettazione.
L’evento criminoso sarebbe scaturito da una lite, per futili motivi, avvenuta poco prima tra giovani a Terrasini. In relazione ad essa, due soggetti, dopo aver raggiunto il distributore di Cinisi, ove le vittime stavano rifornendo la propria autovettura, esplodevano al loro indirizzo numerosi colpi d’arma da fuoco, cagionando gravi lesioni ai due fratelli, entrambi di Cinisi, uno dei quali veniva colpito al piede e l’altro al fianco.

In esito ai fatti criminosi, nella medesima serata del 10 ottobre 2021 veniva sottoposto a fermo d’indiziato di delitto del P.M. il materiale autore della sparatoria. Le indagini sono poi proseguite sul soggetto che lo aveva accompagnato a bordo di una Fiat 600 sul luogo della sparatoria.
Le attività investigative, avviate nell’immediatezza, hanno consentito di raccogliere gravi indizi a carico dell’arrestato, già deferito in stato di libertà, in altre circostanze, per furto e detenzione di stupefacenti.
L’arrestato, al termine delle formalità, è stato tradotto presso la competente Casa Circondariale, ove permarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *