Polizzi Generosa: San Gandolfo, le memorie della tradizione FOTO E VIDEO



San Gandolfo, una tradizione sentita, vivamente accesa dai cittadini di Polizzi Generosa.

Ricordi fra le strade illuminate e calcate da gente di ogni parte, dal vociare dinamico di euforie e, da profumi, immagini che scorrono lentamente come film nel perdersi di un tempo che diventa proprio, tra flash che si catturano e che si portano con sé, nel proprio, personale viaggio.

Occhi entusiasti di bambino si ritrovano adulti gustando momenti carichi di sentimento, devozione, commozione… in un rivivere continuo dove anno dopo anno, il ripetersi, il perpetuare, creano identità in un’unica fusione di fede e forti emozioni.

La preparazione alla festa,un addentrarsi nella fitta storia di Polizzi e del santo, Gandolfo da Binasco che dopo un lungo peregrinare varcò le porte di Polizzi come ultimo luogo di sosta dove predicò la parola del Vangelo e concluse il suo tempo terreno.

L’adempirsi di numerosissimi prodigi sia durante il suo breve periodo di permanenza, sia dal momento della sua morte che dopo, lo fanno diventare tanto amato e venerato da tanti fedeli che hanno ricevuto grazie importanti mediante la sua intercessione e in certe circostanze, ricevuto conforto invocando il suo nome.
Lo testimoniano i tanti ex voto.

Una storia corposa e costellata da diverse fasi quella di San Gandolfo, che viene fervidamente descritta in ogni particolare da Don Luca: mente brillante e storica ,un’ enciclopedia del sapere che fa ad entrare con disinvoltura nelle varie cronologie.

La gente, gli abitanti del luogo, vivono e
s’incuriosiscono in una storia che è la propria e s’interessano, ampliano la propria conoscenza spinti dall’amore e dalla passione che nutrono.

Ne è un esempio il signor Nino Di Stefano,altra guida preziosa per Polizzi e tempio di saggezza, il quale appassionato in particolare d’arte sacra,venera il suo paese con dedizione prodigandosi in tante attività.

Molte le testimonianze di chi” si racconta”, di chi racconta con la propria voce spesso anche nostalgica, ricordi cari e tenuti stretti nel cuore che ha collezionato negli anni.
È il caso del gruppo Auser che della propria memoria personale è riuscito a creare memoria collettiva emozionando e citando aneddoti relativi alla festa tanto amata.

C’è chi si sente ispirato da tutto questo e compone dei propri versi mettendo su carta ciò che sente ed ha vissuto attraverso le proprie esperienze come il signor Nino Lipani.

Un collage piacevole che è stato pertanto creato e messo a disposizione per chi volesse infittirsi ed addentrarsi ancor meglio, in queste piccole e meravigliose  realtà di paese dove il fascino della semplicità, della spontaneità dei sentimenti genuini, i valori tradizionali ed il senso di spiritualità,ancora pullulano e sono protagonisti fortunatamente, di momenti meravigliosi come questi che orgogliosamente si rigenerano.

 

San Gandolfo 

La poesia di Nino Lipani Carini

 

In ricordo di San Gandolfo,patrono di Polizzi,quest’anno, nericade il 760 anniversario della sua morte

A San Gannurfu di Binasco
Protetturi di Pulizzi

Da la Lumbardia in Sicilia,non si sa, si su navi o a cavaddu arrivasti
ma di Termini a Pulizzi a pedi vinisti.
Ni la chiesa di San Leunardo ti firmasti a priari lu Cristu ca
pi fari tutta sta strata t’aiutavu
La via di li jungi pigghiasti e li primi miraculi facisti, la parola e l’uditu ad un poviru sordomutu ci dasti.
Acchianannu di dunni la cruci oggisi trova, na bedda vivuta d’acqua frisca alla sorgiva di li jungi ti facisti e a li porti du paisi arrivasti.
Ni la casa di na nobil donna, la pisana chiamata,accoltu fusti e rifocillatu.
Nta sta casa na lapidi fu misa a ricordu di lu to passaggiu
La strata continuasti, pi all’ospiziu arrivari. vicinu la chiesa di San Nicolò de Franchis, dunni tutti li viaggianti bisugnusi e stanchi ospitati vinianu.
Ma già tuttu lu paisi di li to miraculi a conoscenza eranu e na gran fudda di genti arrivanu pi fari festa a lu nuovu frati arrivatu,
ma lu frati bisognu di riposu avia picchi l’indumani pridicari la quaresima duvia.
Tuttu lu paisi in movimentu si misi ca lu frati vidiri vulia pi ringraziarlu pi li miraculli chi fici ed ognunu na cosa chiediri vulia a secunnu di bisogni c’avia.
L’indomani gran festa di genti ci fu e dopu na lunga attesa lu frati a pridicari si misi e la genti a scutari la vuci e li belli paroli chi dicia.
La popolazioni ad acclamarlu si misi di Gandolfo a Gannurfu passavu.
Grandi onuri gli tributarunu ,popolani, maestranzi e nubilami e gia pi santu u pigghiarunu.
Ma lu sabatu alla vigilia di Pasqua, lu Signuri a iddu lu chiamò e fra angeli e santi ncelu su purto’
Supra un fasciu di sarmenta misu fu e pi la so beatitudini i sarmenti germoglio’
Di un profumu di gersominu tutta la chiesa pigghiata fu e pi chistu la statua di San Gannurfu in manu teni un ramu di gersuminu assiemi alla cruci e lu vangelu.
Chista fu la vita du nostru santu protetturu ca tanti voti a sarvatu lu nostru paisi di pesti e tirrimuti, ora noi sempri a iddu simu devoti pi tutti li grazi c’avemu bisognu.

GLORIA A SAN GANDOLFO

NINO LIPANI
Polizzi Generosa 08/09/2018

San Gandolfo, antica immagine conservata  da Nino Lipani 

 

 

 

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *