Termini Imerese oggi ospiterà la XXX edizione del Giro di Sicilia di Automobilismo



E’ stata presentata la XXX edizione del Giro di Sicilia, gara di auto storiche che andrà in scena dal 10 al 13 Giugno 2021. Dopo diversi mesi di “buio” per il mondo degli eventi, a causa della Pandemia, si riparte perché grande è la voglia di tutti di ritornare alla normalità.“La XXX edizione del Giro Di Sicilia – dichiara il presidente del Veteran Car Club Panormus Antonino Auccelo – saprà regalare a tutti i partecipanti un ritrovato entusiasmo all’insegna del motorismo storico, un viaggio nella cultura e nella storia della Sicilia, da quella più autenica a quella meno conosciuta. Oltre ai luoghi di interesse internazinale quali Cefalù, Taormina, Etna, Caltagirone, Agrigento, Scala dei Turchi, Gibellina, il percorso prevede soste in siti “unici” quali Grammichele, Partanna, Piedimonte Etneo, Ucria, Randazzo, Santa Agata Di Miitello, Motta Santa Anastasia”.

IL GIRO DI SICILIA E I SUOI TROFEI

La XXX edizione sarà condita da vari trofei. Tra questi quello dedicato alla madrina del Giro di Sicilia Costanza Afan De Rivera Costaguti, scomparsa lo scorso settembre 2020. A seguire quello intitolato a Roberto Pirera, cultore del motorismo storico, vittima del Covid.

Anche quest’anno presente la fiat 600 anni ’60, modificata per essere adibita per soggetti paraplegici. Un modo per porre l’attenzione al tema della disabilità. Lo stesso equipaggio del 2018, formato da Ninni Gambino e Pietro Boncimino, sarà nuovamente su strada. Una esperienza che permetterà un’altra volta di veicolare il vero messaggio della disabilità che non teme nessuna barriera se non quella mentale.

Nuova sinergia quella con l’Associazione Teniamoci per Mano onlus. Il progetto nazionale la “ Maratona del Sorriso” prevede vari appuntamenti; a Palermo dal 7 al 13 Giugno anche gli appassionati del motorismo storico potranno fare una donazione, un libero contributo con lo scopo di supportare gli ospedali attraverso l’acquisto di macchinari, aiutare i bambini e le famiglie grazie anche alla clown terapia.

FONTE 





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *