Compleanno “insolito” per il calciatore termitano Giovanni Ciresi

HA FESTEGGIATO LONTANO DAI SUOI FATTI, SU UN CAMPO DI CALCIO

Condividi questo articolo



Un compleanno insolito, lontano dai propri affetti, per il calciatore termitano Giovanni Ciresi che ha spento 18 candeline. Un compleanno segnato, tuttavia, da grandi soddisfazioni: il termitano, infatti, ha firmato il contratto con una squadra di serie D ed è diventato il portiere ufficiale della squadra Olympia Agnonese.

Le parole sui social di Giovanni Ciresi 

“Tanti auguri a me, che spesso dimentico quanto sono speciale. Auguro a me stesso il meglio che la vita ha da offrirmi. Sono grato di tutto e, soprattutto, sono fiero di quello che sono e che voglio diventare. In questo giorno speciale… Buon compleanno a me stesso! Voglio ringraziare tutta la mia famiglia per il sostegno che mi a sempre offerto, soprattutto i miei genitori che hanno sempre creduto in me e sempre lo faranno… Vi amo! Poi c’è un’altra persona importante della mia vita che ormai è come un secondo padre per me: Cosimo Falliti. Grazie di tutto è spero di non deluderti nel mio cammino…Grazie di tutto”.

Le parole sui social dell’allenatore Cosimo Falliti 

“Hai deciso di festeggiare il tuo 18° compleanno, non come tutti i ragazzi della tua età, ma  dentro un campo da gioco. Hai deciso di stare lontano dai tuoi cari per spegnere quella candelina che ti fa diventare maggiorenne. Tutto questo per realizzare qualcosa di importante per il proseguo di quel tuo sogno da raggiungere…eppure in occasione dei 18 anni, i tuoi coetanei, iniziano un mese prima a preparare inviti, a capire in quale location fare festa, invece tu no! La tua location oggi è stato quel rettangolo verde, a difendere quella maledetta porta. Ebbene si, ne e valsa la pena! Oggi sei un calciatore che ha firmato per la serie D. 

Da oggi sei il portiere dell’Olympia Agnonese e questo è stato il tuo regalo più grande. Ora fatti valere: umiltà, lavoro, e testa bassa per raggiungere qualcosa che per te è importante”.





Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *