Castelbuono: il 27 settembre inaugurazione della “Casa del Mandorlo”, sarà ospitata una famiglia di immigrati

Condividi questo articolo

L’appuntamento sarà arricchito dalla partecipazione di Ficarra e Picone

Condividi questo articolo






Nella struttura della “Santuzza” verrà ospitata una famiglia di immigrati

Il 27 settembre 2020, in occasione della 106° Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, presso il Santuario Beata Vergine delle Grazie a Castelbuono (conosciuto come “La Santuzza”) verrà inaugurata la “Casa del Mandorlo”, una struttura nata, per volontà del Vescovo di Cefalù S.E.R. Mons. Giuseppe Marciante sin dall’inizio del suo mandato episcopale nella Chiesa Cefaludense, come opera segno per vivere concretamente la dimensione dell’accoglienza.

La Casa ospiterà una famiglia di sei persone, una coppia con quattro figli, di nazionalità serba. Un’altra giovanissima coppia nigeriana in attesa di un bambino verrà invece ospitata presso “Casa Cesare” sempre a Castelbuono.
Durante il pomeriggio la preghiera verrà alternata a momenti di festa e di riflessione sull’immigrazione ispirati dal tema di quest’anno “Come Gesù Cristo, costretti a fuggire” grazie agli interventi del Vescovo di Cefalù e di Mario Affronti, Direttore Ufficio Regionale per la Pastorale delle Migrazioni della CESI e già Presidente della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni (SIMM).

L’appuntamento sarà arricchito dalla partecipazione di Ficarra e Picone, gli attori siciliani che nel loro ultimo film “Il Primo Natale” con garbata comicità hanno affrontato tra gli altri proprio il tema dell’immigrazione.
La giornata si concluderà con lo “scambio” della pace e la piantumazione di un albero di mandorlo.











Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *