Escrementi di ratti e cibo in cattivo stato di conservazione: chiusa taverna abusiva a Palermo

Condividi questo articolo

La polizia municipale in un’operazione congiunta con i Carabinieri della Stazione Oreto, nell’ambito degli interventi predisposti per il rispetto delle misure di contenimento del virus COVID-19, ha chiuso una taverna abusiva in via Oreto.

Condividi questo articolo



La polizia municipale in un’operazione congiunta con i Carabinieri della Stazione Oreto, nell’ambito degli interventi predisposti per il rispetto delle misure di contenimento del virus COVID-19, ha chiuso una taverna abusiva in via Oreto, denunciando la titolare alla quale è stata applicata una sanzione per oltre 15.300 euro.

È stata accertata la provenienza delittuosa di alcuni dei prodotti confezionati con il marchio di una nota catena di supermercati. Il locale è risultato privo di ogni autorizzazione, sia amministrativa che sanitaria, del piano di controllo HACCP e dell’attestato di alimentarista per la manipolazione della merce.

All’arrivo nel locale, infatti, gli agenti della polizia municipale e dei carabinieri, verificavano la somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche, mentre i cibi destinati ai clienti erano in cattivo stato di conservazione in ambienti in condizioni pessime dal punto di vista igienico sanitario e privi di tracciabilità ed etichettatura. Le attrezzature, poi, erano coperte da escrementi di ratti.

L’autorità giudiziaria ha disposto il sequestro preventivo dei locali in attività e dei prodotti alimentari in cattivo stato di conservazione detenuti all’interno. La donna che gestiva la taverna è stata segnalata all’autorità giudiziaria sia per la violazione della normativa sanitaria, che per ricettazione.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *