Termini Imerese: sospesi per Coronavirus il mercatino ed il mercato del contadino

Condividi questo articolo



Con ordinanza commissariale numero 80 del 6 marzo è stato disposta la sospensione fino al prossimo 3 aprile del mercato del contadino del mercoledì e del mercatino del venerdì di Termini Imerese. 

L’ordinanza commissariale con le nuove disposizioni e le raccomandazioni 

MISURE DI CONTRASTO E PREVENZIONE COVID-19

-Richiamate le disposizioni contenute del DPCM del 04.03.2020, qui integralmente richiamato;
-Ritenuto doveroso contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19;
-Valutata l’opportunità di adottare provvedimenti contingibili e urgenti volti a ridurre il più possibile i rischi di contagio;
-Considerato che, peraltro, ogni venerdì è previsto lo svolgimento del Mercato Settimanale ed ogni mercoledì il Mercato del Contadino;
-Visto l’art. 50, comma 5, del Decreto Legislativo 267/2000 che così recita: “In particolare, in caso di esigenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale le ordinanze contingibili e urgenti sono adottate dal Sindaco, quale rappresentante della Comunità locale”

ORDINA

-per i motivi indicati in narrativa, la sospensione di tutte le manifestazioni e gli eventi di qualsiasi natura e svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato, che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, compresi il mercato settimanale del venerdì e il mercatino del contadino del mercoledì fino alla data del 03 aprile 2020;
-di dare mandato al Corpo di Polizia Municipale e a tutte le Forze dell’Ordine di fare rispettare la presente ordinanza la cui violazione sarà punita ai sensi dell’art. 650 C.P.;

RACCOMANDA

-a tutte le persone anziane o affette da patologie croniche o con multimorbilità ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire dalla
CITTÀ DI TERMINI IMERESE
Provincia di Palermo
propria abitazione o dimora fuori dai casi di stretta necessità e di evitare comunque luoghi affollati nei quali non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;
-a chiunque negli ultimi quattordici giorni abbia fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, o sia transitato o abbia sostato nei comuni di cui all’allegato 1 al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 1° marzo 2020, e successive modificazioni, deve comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell’ASP di Palermo nonché al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatre di libera scelta. La comunicazione va effettuata tramite telefono al numero verde predisposto dalla Regione Sicilia 800458787 ovvero al numero unico dell’emergenza 112.
 
Il Commissario Straordinario

Dott. Antonio Lo Presti





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *