Cefalù: al via il seminario “Arte per la liturgia, iconografia e iconologia di opere dell’area madonita”

Condividi questo articolo

Giovedì 20 febbraio 2020 alle ore 17,30 avrà inizio il ciclo di seminari su “Arte per la Liturgia. Iconografia e iconologia di opere dell’area madonita” promosso dalla Diocesi di Cefalù – Ufficio Pastorale Cultura, Scuola e IRC e da BCsicilia.

Le relazioni, tenute dal prof. Salvatore Grisanti, si terranno presso la Chiesa SS. Sacramento a Cefalù. La relazione di apertura è dedicata a “L’Immagine nella Tradizione ecclesiale”. Prima della lezione di Grisanti interverranno l’arch. Massimo Trobia, Segretario della Consulta Beni Culturali della Diocesi di Cefalù e il dott. Alfonso Lo Cascio, Presidente regionale di BCsicilia.

Cinque in tutto gli appuntamenti sul patrimonio d’arte per la liturgia di grande vastità e straordinario interesse artistico culturale dell’area madonita e della diocesi di Cefalù, purtroppo sconosciuto ai più, o al massimo fruito quasi esclusivamente a livello devozionale. Certo la devozione e il culto esprimono ed esaltano la identità dell’arte per la liturgia, ma purtroppo in genere non si percepisce la portata culturale-teologica di queste opere, veri scrigni di tesori di teologia e di spiritualità.

Il seminario: Dopo una presentazione della problematica relativa alla riflessione e all’uso dell’immagine nella tradizione ecclesiale, il seminario si sofferma su una lettura iconologica della cattedrale di Cefalù sia del suo linguaggio architettonico, sia del suo discorso musivo. Attraverso un excursus storico si evidenzieranno le peculiarità teologiche delle rappresentazione di croci e crocifissi e come queste si sono stratificate nel ricco patrimonio delle nostre croci dipinte e dei crocifissi scolpiti. L’evoluzione che porta dall’antependium alla pala d’altare ci introduce alla comprensione di autentici capolavori quali sono i polittici di Polizzi e di Castelbuono, e alla comprensione di tele “impegnative e impegnatissime” dei pittori gangitani. La Cappella Coccia di Isnello ci offre infine la possibilità di individuare il criterio tipologico che ne governa tutta la decorazione e di scoprire la verità e la bellezza del detto di Agostino: “Il nuovo testamento è nascosto nel Vecchio; il Vecchio testamento si rende manifesto nel Nuovo”.

Il relatore: Il prof. Salvatore Grisanti dopo gli studi secondari effettuati presso il Seminario di Cefalù, dal 1968 al 1978 ha vissuto a Roma dove ha frequentato il corso accademico della facoltà di teologia presso la Pontificia Università Gregoriana, dove ha conseguito la licenza e ha seguito i corsi di laurea, interessandosi particolarmente all’ecclesiologia orientale e studiando particolarmente l’ecclesiologo russo Nicolai Afanassieff.

Presso l’Università degli studi “La Sapienza” di Roma ha conseguito la laurea in filosofia con una tesi riguardante la ristrutturazione normanna delle chiese di Sicilia. A Roma ha iniziato la sua attività di docente proseguita a partire dal 1978 nel territorio madonita. Ha insegnato materie letterarie per un breve periodo presso l’Istituto Magistrale di Petralia Sottana e dal 1981 al 2006 presso il Liceo Scientifico Tedaldi Failla di Castelbuono.

È stato docente di teologia dommatica nell’Istituto di Scienze religiose “Mons. Mariano Campo” fin dalla sua fondazione, sia nella sede di Cefalù che in quella di Petralia, dove ha curato la formazione dei futuri docenti di religione cattolica. Ha insegnato teologia nella scuola di formazione per i diaconi permanenti e nella scuola diocesana di formazione teologica (teologia di base).

Nel 1990 è stato nominato direttore dell’Ufficio Scuola e responsabile dell’insegnamento della religione cattolica della diocesi di Cefalù (primo laico in Italia a rivestire questo ruolo), incarico che ha svolto fino al 2011. A partire dagli anni 80 ha collaborato attivamente alla apertura e alla gestione della Casa di Riposo “Di Martino Abbate” di Isnello, e dal 2012 ne è direttore responsabile. Negli ultimi tempi i suoi interessi culturali sono rivolti all’arte per la liturgia e ai rapporti tra teologia e scienza.

Calendario appuntamenti: 20 febbraio 2020 – L’Immagine nella Tradizione ecclesiale; 12 Marzo 2020 – La Cattedrale di Cefalù; 24 Aprile 2020 – Croci e crocifissi: le croci pensili di Cefalù, Castelbuono, Collesano, Isnello e i Crocifissi di frate Umile; 7 Maggio 2020 – Pale d’Altare e tele: Il Trittico fiammingo di Polizzi; i polittici di Castelbuono; tele di Giuseppe Salerno; 21 Maggio 2020 – La tipologia: la Cappella Coccia di Isnello.

La partecipazione al corso è gratuita. Per informazioni: BCsicilia Tel. 320.6468568 – Email: cefalu@bcsicilia.it. Facebook: Bcsicilia.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *