Mamma palermitana si scaglia su TikTok contro i prof del figlio, poi spiega i motivi della reazione VIDEO




“Date troppi compiti, fate schifo”. Questa l’invettiva via TikTok di una madre in un video che ritraeva anche il figlio piagnucolante intento a fare i compiti. La donna, dopo che il video è diventato virale, si è dovuta scusare via social, un campo in cui è molto attiva avendo molti follower e creando giornalmente molti contenuti.

IL VIDEO DOVE SPIEGA I MOTIVI DELLA REAZIONE 

“L’ultima battuta è stata veramente eccessiva – dice nel nuovo video Emma Guiducci che vive a Palermo – Chiedo scusa alla categoria per avere utilizzato la parola schifo. Il mio è stato un semplice sfogo di una donna stanca che vede il figlio che non ce la fa. Quello che provo io lo provano quotidianamente tante persone.

 

 

In realtà raramente ho avuto problemi con i compiti e i miei bambini vanno bene a scuola. Ma in quel momento ho avuto una crisi e l’ho condivisa non mi sarei mai aspetta tutto questo vortice mediatico”.

La donna è molto attiva sui social. Ha centinaia di video e decine di migliaia di visualizzazioni. Su Tik Tok la seguono 2267 persone, su Facebook 7240. Anche per questo il suo colorito sfogo su TikTok in difesa dei genitori ostaggio dei “troppi compiti” assegnati ai bambini ha innescato una serie di botta e risposta ed è stato velocemente condiviso da tanti utenti.

Nel video che ha suscitato polemiche Emma Guiducci tra l’altro dice: ” Voglio sapere da questi maestri se è normale che mio figlio si svegli alle 6.30 del mattino e si ritrovi il pomeriggio con tre – quattro compiti da fare, senza poter fare sport, senza poter fare nulla. Voi 5-6 ore che c… me ne fotte che avete 20 alunni. Collaborazione scuola-famiglia? Questa è collaborazione? La categoria fa schifo. Sono pochi quelli che si salvano. Non si può fare un c.. si deve stare sempre dietro a questi c.. di compiti”.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it






Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!