A Palazzo Steri di Palermo speciale Vucciria all’orto botanico: “Papà ti porto in Orto!”




Sabato 18 e domenica19
A Palazzo Steri Speciale Vucciria
All’Orto Botanico Papà ti porto in Orto!
Un ciclo di visite didattiche a Palazzo Steri incentrato su “La Vucciria” di Guttuso, opera emblematica per la città di Palermo e che maggiormente rappresenta lo stile del pittore bagherese, considerato uno degli artisti italiani più significativi della seconda metà del secolo scorso. Sabato 18 marzo (alle 17, alle 17,30 e alle 18) e domenica 19 marzo (alle 11, alle 11,30 e alle 12) “Speciale Vucciria”, una speciale visita guidata da Coopculture.
 
Le visite didattiche saranno incentrate sulla storia del dipinto ed in particolare su quelle che furono le vicende legate alla sua realizzazione avvenuta nel 1974; sulla relazione che Guttuso ebbe con la Sicilia ed in particolare con Palermo e l’antico mercato della Vucciria, che oggi si presenta così diverso da come fu immortalato dal pittore.
La visita tratterà inoltre del rapporto che Guttuso intrattenne con lo scrittore siciliano Leonardo Sciascia: tra le mura di Palazzo Chiaromonte i due personaggi sembrano quasi rincontrarsi attraverso quelle che furono le loro opere e i loro interessi comuni.
Il biglietto costa 5 euro ed acquistabile in biglietteria
Domenica 19 marzo alle 11 All’Orto Botanico in occasione della Festa del papà è prevista la visita didattica e il laboratorio creativo adatto “Papà ti porto in Orto!”. I bimbi dai 5 ai 10 anni realizzeranno un delizioso regalo per i loro papà, con l’utilizzo di materiali naturali. Costruiranno una particolare cornice che custodirà una foto istantanea della loro esperienza insieme, scattata tra i viali dell’incantevole Orto Botanico.
Biglietti 5 disponibili online qui: bit.ly/3Ffy99G
Il genitore accompagnatore avrà diritto a un biglietto d’ingresso ridotto all’Orto Botanico.
Maggiori info su www.coopculture.it


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it






Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!