La terza sezione penale della Corte d’Appello ha confermato le sentenze riguardanti le persone coinvolte nell’operazione Alastra.

Un altro duro colpo al mandamento mafioso di San Mauro Castelverde.

Sei anni al boss Domenico “Mico” Farinella, che dopo la morte del padre Giuseppe, avvenuta il 5 settembre 2017 nel carcere di Parma  (dove scontava il 41bis), aveva preso lo scettro del mandamento mafioso madonita. Dodici anni al figlio di Mico, Giuseppe Farinella (stesso nome del nonno), 10 anni per Antonio Alberti e Francesco Rizzuto, 4 anni per Gioacchino Spinnato, 15 anni e 10 mesi, a Giuseppe Scialabba, quest’ultimo ritenuto il braccio destro di Mico Farinella, ha ricevuto la condanna più pesante perchè sarebbe stato direttamente lui, secondo le ricostruzioni degli inquirenti, a prendere a pugni , dentro il suo locale, un ristoratore che non voleva pagare il pizzo.

Nomi e foto condannati:

Scialabba-Giuseppe

Immagine 1 di 6

Con la sentenza della terza sezione della Corte d’Appello sono stati confermati anche i risarcimenti alle amministrazioni comunali ed alle associazioni costituite parti civili, fra cui: i Comuni di Castelbuono, Pollina e Castel di Lucio e le asociazioni Solidaria, Sos Impresa, il Centro Pio La Torre, Addiopizzo, la Federazione Antiracket, l’associazione Antono Caponnetto, Confommercio, Confesercenti e Sicindustria.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!