Termini Imerese: anziana con sospetta frattura resta 13 ore nella barella in pronto soccorso




Una donna di 84 anni, residente a Cerda, è rimasta oltre 13 ore nella barella dell’ambulanza del 118 nel pronto soccorso dell’ospedale “Salvatore Cimino” di Termini Imerese, con dolori all’anca provocata da una caduta a casa. C’era una sospetta frattura.

La donna, R.S. ieri attorno alle 19 è stata soccorsa a Cerda. Era caduta nell’appartamento e si era fatta male. Dopo essere stata stabilizzata è stata portata in ospedale attorno alle 20. La barella del 118 è stata liberata solo alle 9 e 30 di oggi.

Gli operatori del 118 sono rimasti bloccati con l’ambulanza tutta la notte in attesa di avere restituita la barella. Il comprensorio di Cerda per tutte queste ore è rimasto senza ambulanza.

Secondo quanto si è appreso dall’ospedale i 17 posti letto erano tutti occupati per l’aumento di casi polmoniti e bronchioliti che stanno sono in aumento come anche i casi di Covid nel territorio. Solo dopo 13 ore si è liberato un posto letto e così la signora è stata ricoverata.

La replica dell’Asp di Palermo

“L’area di emergenza dell’ospedale Cimino, così come tutte le strutture di Pronto Soccorso di altri nosocomi, soffre in questo momento di uno straordinario afflusso di pazienti con patologie respiratorie, causate dalle sindromi influenzali – dicono dall’Asp – Gli operatori lavorano incessantemente per prestare cura e assistenza ad ogni utente. Nella giornata di ieri, tutte le 17 postazioni del Pronto soccorso del ‘Cimino’ erano occupate da pazienti, a causa di un alto flusso di accessi, ma ciononostante la direzione ha deciso in data odierna di avviare una commissione di indagine per approfondire le ragioni del mancato turnover e del mancato ricovero presso i reparti dello stesso ospedale. Le risorse umane in atto assegnate alla struttura risultano presenti anche se molti medici con limitazioni e anche su tale condizione sono in corso procedure di verifica per un eventuale diverso utilizzo che possa liberare l’organizzazione da limitazioni di servizio. Limitazioni che alla fine potrebbero risultare ostative di un ottimale funzionamento”.

Fonte:BlogSicilia.it


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!