Spazio: un satellite della NASA fuori controllo si distruggerà nell’atmosfera terrestre tra domenica e lunedì




Sono ore di apprensione per i centri spaziali e i controlli aerei.

Si attende il rientro del veicolo spaziale Earth Radiation Budget Satellite (ERBS), messo in orbita da quasi 40 anni dal Kennedy Space Center. 

Non si è ancora calcolata con precisione la rotta di rientro e dove precipiterà.

La funzione del satellite, per il quale fu progettato e messo in orbita era studiare le radiazioni sulla Terra i gas della stratosfera.

Fu messo fuori servizio nel 2005. Da allora è iniziata una lenta ma costante caduta verso il nostro pianeta attratto dalla forza di gravità, questa lunga discesa iniziata nel 2005 dovrebbe concludersi nelle prossime 24/48 ore, teoricamente con la sua distruzione totale durante l’attraversamento dell’atmosfera terreste.

 

Per chi volesse seguire la traiettoria di rientro ed avere maggiori informazioni, puo visitare il link di seguito:

https://aerospace.org/reentries/erbs-id-15354

 

La NASA sui suoi canali ufficiali ha rilasciato una nota di seguito riportata:

«Satellite della NASA Earth Radiation Budget in pensione per rientrare nell’atmosfera
L’Earth Radiation Budget Satellite (ERBS) in pensione della NASA dovrebbe rientrare nell’atmosfera terrestre all’inizio di gennaio.

All’inizio di gennaio, l’Earth Radiation Budget Satellite (ERBS) in pensione della NASA dovrebbe rientrare nell’atmosfera terrestre dopo quasi quattro decenni nello spazio. Per 21 di quegli anni, l’ERBS ha indagato attivamente su come la Terra ha assorbito e irradiato energia dal Sole e ha effettuato misurazioni dell’ozono stratosferico, del vapore acqueo, del biossido di azoto e degli aerosol.

A partire da giovedì 5 gennaio, il Dipartimento della Difesa ha previsto che il satellite da 5.400 libbre rientrerà nell’atmosfera intorno alle 18:40. EST di domenica 8 gennaio con un’incertezza di +/- 17 ore. La NASA e il Dipartimento della Difesa continueranno a monitorare il rientro e ad aggiornare le previsioni.

La NASA prevede che la maggior parte del satellite bruci mentre viaggia attraverso l’atmosfera, ma si prevede che alcuni componenti sopravvivranno al rientro. Il rischio di danni a chiunque sulla Terra è molto basso: circa 1 su 9.400.

Lanciato dallo Space Shuttle Challenger il 5 ottobre 1984, il veicolo spaziale ERBS faceva parte della missione Earth Radiation Budget Experiment (ERBE) a tre satelliti della NASA. Trasportava tre strumenti, due per misurare il bilancio energetico radiativo della Terra e uno per misurare i costituenti stratosferici, compreso l’ozono.

Il bilancio energetico, l’equilibrio tra la quantità di energia del Sole che la Terra assorbe o irradia, è un indicatore importante della salute del clima e la sua comprensione può anche aiutare a rivelare i modelli meteorologici. Le concentrazioni di ozono nella stratosfera svolgono un ruolo importante nella protezione della vita sulla Terra dai dannosi raggi ultravioletti.

ERBS ha superato di gran lunga la sua vita utile prevista di due anni, operando fino al suo ritiro nel 2005. Le sue osservazioni hanno aiutato i ricercatori a misurare gli effetti delle attività umane sul bilancio radiativo della Terra. La NASA ha continuato a basarsi sul successo della missione ERBE con progetti tra cui l’attuale suite di strumenti satellitari Clouds e Earth’s Radiant Energy System (CERES).

Lo Stratospheric Aerosol and Gas Experiment II (SAGE II) sull’ERBS ha effettuato misurazioni stratosferiche. SAGE II ha raccolto dati importanti che hanno confermato che lo strato di ozono stava diminuendo su scala globale. Tali dati hanno contribuito a plasmare l’accordo internazionale del protocollo di Montreal, determinando una drastica diminuzione in tutto il mondo dell’uso di clorofluorocarburi che distruggono l’ozono. Oggi, SAGE III sulla Stazione Spaziale Internazionale raccoglie dati sulla salute dello strato di ozono.»

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!