Biagio Conte è vivo ma in gravi condizioni: tutti pregano per l’uomo che dedicato la sua vita ai meno fortunati




 
Il  missionario Biagio Conte non è morto ma è in gravi condizioni. Questa la notizia certa di questa mattina, dopo la fake news diffusa ieri sera in cui veniva annunciata la sua morte, poi smentita.
 
Fratel Biagio, fondatore della “Missione di speranza e carità”, continua a lottare  ancora contro un cancro al colon. 

1

Immagine 1 di 5

La nota della Missione di speranza e carità di Palermo sulle condizioni di salute di Biagio Conte

“Fratel Biagio sta continuando a vivere la sua malattia con tanta forza e coraggio e tutta la missione gli è vicino. Ognuno fa il possibile per rendergli la giornata piacevole con un gesto, una parola, una preghiera, un canto, una fisioterapia o una medicina data con amore e leggerezza. Ogni giorno Fratel Biagio dona sorrisi e con le poche forze che la malattia in questo momento gli consente ripete a tutti: Vi voglio bene! vi voglio tanto bene! In questo momento i medici con umiltà hanno posto un comprensibile limite a quelle che sono le possibilità mediche conosciute di guarigione di Fratel Biagio ma sempre la medicina e tanti uomini e donne con amore ci dicono e crediamo che non ci sono limiti alle cure, alle carezze e alle parole di incoraggiamento che si possono dare in questi momenti. A tutti noi ci accompagna la Speranza

Grazie a Dio Fratel Biagio non ha tanti dolori e il suo sintomo principale è il senso di stanchezza che fa parte della malattia che lo ha colpito. Nel nostro cammino di fede guardiamo all’immenso mistero di Dio che tutti noi dobbiamo imparare a guardare come Padre amorevole. A lui ci affidiamo, a Lui tutto è possibile e sempre Santa e perfetta è la Sua Volontà. Dalla Missione di Speranza e Carità vi giunga un saluto di Pace e Speranza ricordando quello che Fratel Biagio ha sempre ripetuto facendo sue le parole di San Paolo che dice: “Quando siamo deboli è allora che siamo più forti”.

 

 

 

 

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it






Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!