Bambino di quattro anni picchiato a morte dalla madre e dal patrigno: aveva preso dei cioccolatini

Notizie di cronaca dal Mondo

Condividi questo articolo




Ennesimo caso di violenza su minori, ancora una vita spezzata troppo presto per mano di chi doveva dare amore e non morte.

Quello che è avvenuto in Argentina è qualcosa di orribile.

Un bambino di soli quattro anni, dopo aver preso dei cioccolatini, è stato picchiato a morte dalla madre e dal suo compagno.

I due hanno portato il bambino in ospedale dicendo che era caduto dalla vasca da bagno.

Una volta arrivati per la giovane vittima non c’era più nulla da fare, i medici hanno disposto l’autopsia sul corpo della vittima.

Quello che svela l’esame autoptico è qualcosa di agghiacciante.

Il bambino sarebbe stato picchiato selvaggiamente, sul corpo erano presenti altri lividi non dovuti al pestaggio.

I due si trovano in custodia e sono accusati di omicidio.

A rivelare quello che era accaduto è stato il fratellastro della vittima.

 La coppia conviveva da 14 mesi, insieme a loro cinque bambini, compresa la vittima.

Secondo una prima ricostruzione, l’uomo aveva portato a casa dei cioccolatini per farli mangiare a gli altri figli.

L’uomo avrebbe afferrato per la gola la vittima chiedendogli chi avesse preso i cioccolatini, il fratellino più piccolo spaventato ha risposto che era stato Renzo a prenderli (questo il nome del bambino ucciso).

In quel momento è iniziato il pestaggio.

La zia e il padre della vittima hanno sporto denuncia, non si può morire a quattro anni per dei cioccolatini.

Ulteriori indagini della procura, stanno verificando se la coppia ha sottoposto i figli ai lavori forzati.

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!