Omicidio suicidio Villabate: ieri i funerali per Salvo Patinella, comunità afflitta




Si sono svolti ieri, nella chiesa Madre di Partinico, i funerali di Salvo Patinella, il 41enne che ha ucciso l’ex compagna nella sua casa di Villabate e poi si è tolto la vita. In un clima di dolore si è svolto il rito molto sobrio. In prima fila i genitori e le sorelle del 41enne, chiusi nel loro immenso dolore e nel silenzio.

Nella sua omelia l’arciprete, monsignor Salvatore Salvia, ha ricordato l’essenza dell’essere cristiani. Di fronte a chi ha espresso dubbi sull’opportunità di svolgere una funzione religiosa per un uomo che ha ucciso e si è suicidato lui ha detto: “Nessuno si permetta di giudicare. Non sappiamo qual è il mistero della mente umana. Capisco il dolore dei genitori e dei familiari, colpiti duramente due volte per come è maturata la tragedia”. Sopra la bara un cuscino di fiori, un altro ai piedi e niente di più.

Il giorno prima dei funerali la Procura di Palermo ha disposto la restituzione della salma di Patinella alla famiglia di Partinico.L’uomo, 41 anni, cinque giorni fa ha ucciso la compagna nella sua abitazione di Villabate, Giovanna Bonsignore, e poi si è tolto la vita. Non sono in molti che a Partinico sanno qualcosa di Salvo Patinella. Il 41enne sembra che non frequentasse praticamente più la comunità partinicese, nonostante lavorasse all’ospedale Civico di Partinico. Ci sono solo i ricordi “appannati” di qualche partinicese di quando frequentava le scuole dell’obbligo. Tutti parlano di un ragazzo docile, senza grilli per la testa.

I funerali di Giovanna Bonsignore

Lunedì scorso si sono svolti i funerali di Giovanna Bonsignore , uccisa giovedì scorso dall’ex compagno con diversi colpi di bisturi. Ad accompagnare la bara sono state le volontarie dell’associazione Archè, dove Giovanna svolgeva l’attività di assistenza ai bisognosi del paese. Hanno indossato una maglietta rossa per denunciare l’ennesimo femminicidio.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it






Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!