Ancora studi sulle esperienze pre-morte: ecco cosa accadrebbe prima di morire

Seppur dolorosa, la morte è quella condizione in cui l’animo si libera dal corpo e vive una realtà nuova, diversa. Sono stati condotti diversi studi perché da sempre questa tematica  ha incuriosito l’interesse dell’uomo, oltretutto ha cercato continuamente una rassicurazione di ciò che avviene dopo questo momento così drammatico.

Condividi questo articolo




Seppur dolorosa, la morte è quella condizione in cui l’animo si libera dal corpo e vive una realtà nuova, diversa. Sono stati condotti diversi studi perché da sempre questa tematica  ha incuriosito l’interesse dell’uomo, oltretutto ha cercato continuamente una rassicurazione di ciò che avviene dopo questo momento così drammatico.

Penny Sartori lavorando nel reparto di terapia intensiva ha vissuto tante esperienze di pre- morte a tal punto di volerle racchiudere in un suo testo. Ha condotto una tesi di dottorato sul tema, le cui conclusioni principali verranno anticipate nel libro The Wisdom Of Near-Death Experiences (La saggezza delle esperienze vicine alla morte, Watkins Publishing).

La Sartori ha incontrato pazienti che hanno vissuto esperienze vicine alla morte (EVM) e familiari che hanno vissuto da vicino esperienze di morte condivisa ( EMC).

 

Tra il 70 e l’80% dei pazienti aspetta di stare solo nella stanza prima di morire. I pazienti che vivono le EVM sono sempre quelli che vanno via nel modo più tranquillo e felice, come i familiari che presentono la morte dei propri cari. 

 

Al margine del fatto che siano persone credenti, agnostiche o atee, tutte sperimentano il sogno o la visione di come il familiare se ne andrà da questo mondo guidato da qualcuno (coniugi già defunti, esseri anonimi o angeli) e con una chiara sensazione di “pace e amore”. Non è il caso degli esempi di persone che sapendo quando moriranno chiedono di restare qualche minuto da soli o lo fanno proprio quando il familiare, che rimane tutto il tempo al loro fianco, li abbandona solo un momento per andare in bagno. ci sono alcuni che muoiono dopo aver ” atteso l’arrivo di un familiare defunto che tardava ad arrivare”.Il direttore del Tucson Medical Center John Lerma, specializzato in cure palliative, ha raccolto esempi molto simili a quelli citati dalla Sartori in Into the Light: Real Life Stories About Angelic Visits, Visions of the Afterlife, and Other Pre-Death Experiences (Nella Luce: Vere Storie di Vita su Visite Angeliche, Visioni dell’Aldilà e Altre Esperienze Pre-Morte, New Page Books). Secondo i suoi resoconti, tra il 70 e l’80% dei pazienti aspetta che i propri cari escano dalla stanza per morire.suoi studi più innovativi si concentrano sulle esperienze condivise dalle persone che accompagnano coloro che si trovano in trance di morte. “Aprono una via completamente nuova di illuminazione razionale sulla questione della vita dopo la morte, perché le persone che comunicano queste esperienze sono sane. Sottolinea la dottoressa che le esperienze sono tutte diverse, vissute in modo personale.

Nel suo libro, l’autrice sostiene che questo tipo di esperienze, raccolte nel corso di tutta la sua carriera, possono essere fondamentali per dimostrare l’esistenza di una vita dopo la morte, e che devono almeno aprire una nuova via di studio (come alcune che partono dalla fisica quantistica) per gli studi scientifici. Quello di cui dice di essere convinta è che “la morte non è terribile quanto la immaginiamo di solito”.

 

 

 

 

 

 

 

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!