Le misteriose leggende e apparizioni di ” Villa Caboto” a Mondello FOTO e VIDEO




A Palermo, nello specifico a Mondello, sorge una villa oggetto di molti curiosi e appassionati del paranormale.

Villa Caboto, costruita negli anni quaranta, sono molte le famiglie che l’hanno abitata, per poi essere totalmente abbandonata negli anni ottanta.

3

Immagine 1 di 4

La villa è nota per le numerose segnalazioni di apparizioni che avverrebbero al suo interno: racconti inquietanti come rumori spaventosi nel cuore della notte, lamenti, rubinetti che si aprono da soli, alcune testimonianze dicono di aver visto le luci della villa accendersi e spegnersi da sole.

Nel passato della villa ci sarebbero tre leggende

La prima secondo cui, negli anni quaranta, si dice fosse una casa d’appuntamenti, dove i militari tedeschi andavano per svagarsi. Una notte, all’improvviso, gli americani fecero irruzione, sterminando tutti i soldati tedeschi, da allora le loro anime vagherebbero per la villa facendo molti rumori, che si sentirebbero anche nelle sue vicinanze.

La seconda narra che, durante la seconda guerra mondiale, la villa fosse il quartier generale, dove vi erano molti militari tenuti in ostaggio, per poi venire torturati e fucilati. Si dice che i loro spiriti si aggirino nella villa.

La terza leggenda racconta di una fanciulla che fu assassinata dal padre perché innamorata dell’uomo sbagliato, la ragazza era già promessa in sposa ad un altro uomo molto facoltoso di Mondello.

 Il padre, infuriato, diede fuoco al capanno dove era convinto ci fossero i due amanti.

Si narra, infatti, che lo spirito della fanciulla aspetti il suo amato davanti la porta, alcune testimonianze sostengono di avere visto il fantasma della ragazza.

Che siano leggende o verità poco importa, le molteplici storie che avvolgono Villa Caboto restano un grande mistero.

Dagli anni ottanta la villa non è più stata venduta e non è nemmeno stata occupata per brevi periodi di tempo.

 

 

 

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!