Paziente con una grave patologia trasportata d’urgenza in elisoccorso: salvata dal “Delta due nove” del 118 VIDEO

Giuseppe Mesi

Condividi questo articolo
Elisoccorso




L’eccezionale soccorso del “Delta due nove” del 118 di Santo Stefano di Camastra

Ancora grande e attenta professionalità dell’equipe “Delta due nove” del 118 di Santo Stefano di Camastra, intervenuta con lucidissima preparazione e tempestività per salvare la vita a una signora, per la quale, lo scorso 6 dicembre, serviva con estrema urgenza l’attivazione codice “Stroke” (in un lasso di tempo di circa quattro ore, il paziente deve essere portato in ospedale fornito del reparto di Stroke Unit per essere sottoposto alla Fibrinolisi, ndr).

Il codice Stroke può essere attivato dall’equipe dell’ambulanza che, in base alla gravità del paziente ed in massimo quatto ore, può decidere se far arrivare l’ammalato in codice giallo o codice rosso, già al triage del pronto soccorso dove effettuano questo tipo di terapia: l’elettrofibrolisi.

La tempestività dell’intervento dell’ambulanza “Delta due nove” di Santo Stefano di Camastra e l’eccezionale bravura dei medici nel portare avanti l’intervento, ha evitato il peggio. La signora, infatti, risiede nel comune di Castel di Lucio, un paesino sui Nebrodi, in una zona impervia e non facile da raggiungere. La struttura competente più vicina attrezzata per questo tipo d’intervento è il Policlinico di Messina.

Così, la veloce decisione di portare la signora sull’elipista di Mistretta dove già l’equipe del 118 aveva attivato l’intervento dell’elisoccorso: la paziente è stata fatta salire, con tutte le procedure del caso ed è stata trasportata velocemente al Policlinico di Messina per procedere all’elettrolisi, terapia importantissima per la salvezza della sua vita.

Grazie ancora una volta a questi angeli che, con attenta conoscenza e grandissima professionalità sono riusciti a salvare altre preziose vite.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it






Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!