Al Donna Vi di Geraci Siculo la prima edizione del Trofeo Oro di Napoli

Un evento unico ed imperdibile per gli amanti della pizza che avrà come Splendida location l’Hotel Donna Vi di Geraci Siculo 

Condividi questo articolo




Prima edizione del trofeo Oro di Napoli al Donna Vi di Geraci Siculo, il 12 e 13 dicembre.

 Un evento unico ed imperdibile per gli amanti della pizza che avrà come Splendida location, l’Hotel Donna Vi di Geraci Siculo ( PA), dove 40 professionisti  provenienti da tutta Sicilia ma anche dalla Calabria, Campania, Lazio, Toscana e Puglia.

Durante la manifestazione si svolgeranno 4 tipologie di gare: Pizza Classica-Pizza Gourmet – Pizza senza glutine-  Pizza Napoletana stg.

Sarà presente una giuria che valuterà la pizza vincente secondo determinati parametri:

Presentazione/aspetto

Gusto

Cottura 

Impasto 

Lo Speaker e  il coordinatore di giuria sarà Enrico Bianchini

 Un momento davvero ben pensato quello che presto avrà luogo a Geraci Siculo, nato per volontà dell’azienda Oro di Napoli, leader nella distribuzione di prodotti campani in Sicilia con sede a Gela, nella figura di Decio Vitale Ceo e che è stato reso possibile grazie al prezioso supporto organizzativo di Simone Scancarello, Presidente dell’associazione Pizzaioli in giro per il mondo 4.0.  

(Nella foto Decio Vitale Ceo)

 

 

 

 

 

 

 

 

Un momento che celebra la preparazione della pizza cibo italiano per eccellenza in tutta la sua elaborazione dalla scelta della farina alla tipologia d’impasto, modalità di lavorazione ed ore di riposo di lievitazione dove ogni pizzaiolo ha i suoi segreti fin da renderla unica, personale e sfiziosa grazie alla combinazione di più ingredienti ben selezionati e scelti in varie combinazioni originali, per chi vuole scoprire novità del gusto o tradizionali per chi resta intenditore dei sapori classici.

Una narrazione fa risalire la prima pizza al 1889, dove nel mese di giugno, per onorare la Regina d’Italia Margherita di Savoia, il cuoco Raffaele Esposito pare che abbia preparato la “Pizza Margherita”, condita con pomodori, mozzarella e basilico, per rappresentare i colori della bandiera italiana il cui nome è stato dedicato proprio alla regina.

In occasione della prima edizione del Trofeo Oro di Napoli, la Sicilia si vedrà immersa in un contesto di tradizione ed allo stesso tempo, d’innovazione, grazie alle varie evoluzioni delle tecniche utilizzate per la cottura e preparazione della pizza, oltre che ad essere questo, il momento finale di un percorso formativo e di preparazione professionale di alto livello dei pizzaioli presenti che avranno modo di confrontarsi divertendosi. Un’ occasione valida oltretutto, per il rilancio territoriale madonita che in questo frangente sarà punto di riferimento.  

Abbiamo chiesto a Simone Scancarello com’è nata la sua passione: «La mia esperienza inizia nel 2015 . La casualità ha voluto che caso conoscessi un pizzaiolo di grande esperienza che per oltre 20 anni ha girato il mondo il quale decide di aprire un gruppo facebook denominato “Pizzaioli in Giro per il Mondo”. Il gruppo è stato ideato per creare un confronto tra colleghi ma anche un punto di riferimento per tutti quei ragazzi che volevano intraprendere un’esperienza lavorativa all’estero ed erano in cerca di consigli.

Nel 2016, la svolta: si decide di aprire un’associazione per iniziare a offrire percorsi di formazione e di specializzazione. Sono stati molti i corsi organizzati durante questi anni toccando una vasta varietà di argomenti: Panificazione-Pizzeria – Pasticceria fino ad arrivare a parlare di impasti specifici per ogni tipologia di pizza. Inoltre, sono sorti altri molti eventi affini tra cui, Campionati in italia ma anche all’Estero, toccando la Francia, la Germania, la Romania, gli Stati Uniti.

Tra le manifestazioni piu importanti in assoluto, ne spiccano due in nave: La crociera della pizza organizzate all’interno di due MSC superando oltre i 200 iscritti in due anni».

( In foto, Simone Scancarello)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In conclusione, abbiamo  poi chiesto a questo punto con curiosità a Simone, essendo  intenditore ,qual è la sua pizza preferita. «La migliore pizza per me è quella composta da massimo di 4 ingredienti ed io preferisco la classica Margherita condita con un buon pomodoro ed una buona mozzarella, un filo d’olio e qualche foglia di basilico così è al massimo digeribile ed è possibile assaporare meglio i prodotti ma non escludo anche la scelta della Marinara composta da pomodoro San Marzano, origano e qualche spicchio d’aglio».

Link dell’evento: https://www.facebook.com/trofeoorodinapoli/ 

 

 

 

 

 

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it






Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!