Grande partecipazione alla scuola Tisia d’Imera per la presentazione del cortometraggio di Giuliana Sala FOTO E VIDEO




É stato presentato presso l’istituto comprensivo “Tisia d’Imera” di Termini Imerese, nei giorni 30 novembre e 1 dicembre, il cortometraggio della registra palermitana Giuliana Sala.

 Giuliana Sala, con il film “La fuori”, ha vinto il festival del cinema di Cefalù 2022, con l’assegnazione del premio “Pellicola della Pace”.
L’incontro di questi due giorni con la regista Giuliana Sala è stata occasione per suscitare tra gli studenti la curiosità e la riflessione, poiché l’osservazione e il lavoro preparatorio fatto in classe con i compagni e i docenti ha avuto modo di essere approfondito, incontrando dal vivo la regista. 

IMG_20221201_113345

Immagine 1 di 9

Gli studenti hanno cominciato ad avere familiarità con la vita professionale di uno sceneggiatore, dallo sviluppo dell’idea alla scrittura della sceneggiatura, e hanno appreso che dietro un cortometraggio sono presenti le principali regole del linguaggio cinematografico.
Un momento molto significativo e di dialogo si è avuto giorno 1 dicembre alla presenza degli alunni delle V Primaria della “Rosina Salvo” e delle due V della “Gardenia” e del “Pirandello”, dove i piccoli studenti hanno avuto l’opportunità di visionare e confrontarsi insieme con la regista.

IL VIDEO DELLA PRESENTAZIONE ALL’ISTITUTO COMPRENSIVO “TISIA D’IMERA”

La presenza dell’Assessore all’istruzione Maria Concetta Buttà ha reso l’incontro davvero significativo per le riflessioni che ne sono scaturite. L’Assessore ha mostrato tutto il suo stupore nel vedere i bambini molto preparati e che dialogavano con tanto interesse, mettendo in luce il pensiero critico attraverso pertinenti riflessioni personali. 

Partire dalla quotidianità di ciò che c’è là fuori, ci porta verso una mente aperta, capace di cogliere le cose attorno (Là fuori), di elaborarle e dare loro la giusta interpretazione, con la possibilità di assumere un atteggiamento maggiormente coinvolto, propositivo e funzionale alle nostre azioni e compiti, ma anche di dare maggiore importanza alle idee, novità, relazioni, contatti puntando la nostra osservazione su ciò che dobbiamo davvero attenzionare.

La dirigente scolastica Nina Raineri
 
La Dirigente scolastica Nina Raineri ha avuto modo di mettere in rilievo il fatto che si possono esprimere pensieri “potenti” con la semplicità della “poesia”, creata appositamente dalla regista, per fare risuonare dentro di noi una reazione che ci porti a riflettere e a comprendere che dobbiamo imparare a non essere assuefatti alle cose che non contano, ai comportamenti che ci allontanano dal vero senso della vita.
 
Noi reagiamo di fronte alle crisi improvvise ma abbiamo l’obbligo morale come cittadini “attivi” di guardare quotidianamente “Là fuori” con occhi che ci svegliano dal torpore in cui viviamo e orecchie che ci possono condurre ad “ascoltare” quello che conta veramente. 
Non arrendersi all’assuefazione della violenza, della delinquenza, della prevaricazione, è un modo per reagire attraverso l’educazione alla bellezza, con l’attenzione ai “rumori” della natura e ad ogni forma di comunicazione che “là fuori” giorno dopo giorno prende vita, con l’obbligo di costruire e tutelare la “bellezza”, sinonimo di legalità, di trasparenza e di cittadinanza attiva, unico vero interesse da perseguire come cittadini consapevoli.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!