Tragico il bilancio su violenza a disabili: 50 casi in due anni, donna in Sicilia resta incinta durante lockdown




Drammatico il bilancio in Sicilia: cinquanta violenze sessuali, 21 episodi di stalking, 230 casi maltrattamenti nei confronti di donne con disabilità.

É ciò che emerge dai dati diffusi dall’Oscad, Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori della direzione centrale della polizia criminale del  dipartimento della pubblica sicurezza. Il periodo preso in considerazione va dall’1 ottobre 2020 al 20 settembre scorso. I numeri sono stati diffusi oggi in occasione della “Giornata Internazionale delle persone con disabilità”. 

Dal monitoraggio emerge che i crimini commessi nei confronti delle donne con disabilità sono in flessione. Il confronto è con i due anni presi in considerazione.

La drammatica storia avvenuta durante il lockdown in Sicilia

Tra le tante storie drammatiche anche quella avvenuta in Sicilia durante il lockdown, quando una giovane donna affetta da una grave forma di deficit cognitivo che si trovava ricoverata in una struttura sanitaria, avrebbe subito ripetute violenze sessuali da parte di un operatore a cui era affidata la sua cura. Nessuno ha denunciato quanto accaduto e gli abusi sarebbero rimasti sconosciuti se la donna non fosse rimasta incinta. Solo a quel punto, infatti, la struttura sanitaria ha comunicato lo stato di avanzata gravidanza ai familiari della donna. Era quindi emerso ciò che aveva subito la vittima.

A risultare tra le vittime più in difficoltà sono le donne disabili, ancora di più di quelle normodotate. Semplicemente perchè, a causa del loro deficit, impossibilitate a denunciare quanto accaduto. Soprattutto per il timore di ritorsioni o di perdere il supporto della persona che si prende cura di loro o per la stessa difficoltà di riconoscere l’abuso. Le donne con disabilità sono dunque vittime delle stesse forme di violenza che colpiscono le altre donne ma con conseguenze spesso amplificate. Questo per via della loro particolare vulnerabilità. Da qui la notevole cifra di sommerso che contraddistingue tali reati. Vi è dunque la necessità di tenere alta l’attenzione su un fenomeno che rimane nascosto se non addirittura negato.

Un fenomeno, sottolinea la polizia, che si deve combattere anche con l’informazione e la conoscenza. Per quanto riguarda i reati di violenza sessuale, colpiscono maggiormente le donne con disabilità di tipo cognitivo, solitamente con difficoltà a riconoscere l’abuso e a denunciarlo. Nei casi di violenza sessuale su donne con disabilità fisica, invece, la vittima viene presa di mira a causa delle sue difficoltà motorie che non le consentono di fuggire o opporre resistenza.  Molto spesso gli abusi sessuali avvengono all’interno della famiglia o nelle strutture deputate alla cura e all’assistenza.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!