Figlia accusa padre di aver ucciso 70 donne: “Ci costringeva a buttarle nel pozzo”

NOTIZIE DI CRONACA DAL MONDO

Condividi questo articolo




La storia arriva dall’Iowa, dove la polizia sta indagando su un uomo morto nel 2013 sospettato di aver assassinato fino a 70 donne.

Donald Dean Studey, questo il nome del presunto serial killer, è stato accusato dalla figlia Lucy, che ha riferito alle autorità di essere a lungo stata costretta – insieme ai suoi fratelli – a spostare i cadaveri. Per il momento tali accuse sono ancora tutte da dimostrare, ma sui luoghi indicati dalla donna è stata condotta una prima ispezione con l’unità cinofila. I cani avrebbero fiutato qualcosa, tuttavia mancano le evidenze e solo degli scavi potranno eventualmente far emergere la verità.

“Mio padre è stato un criminale e un assassino per tutta la vita”, ha detto Lucy Studey a Newsweek. La donna ha spiegato il padre avrebbe ucciso “cinque o sei” donne all’anno per diversi decenni seppellendo i cadaveri in un pozzo abbandonato nella sua proprietà, un terreno nella piccola città di Thurman. Le presunte vittime del serial killer sarebbero soprattutto giovani prostitute di età compresa tra i 20 e i 30 anni che esercitavano nella vicina Omaha.

Continua qui


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!