Scappa dopo grave incidente a Palermo: ritracciato dalla Polizia Municipale, motociclista ancora in prognosi riservata

polizia municipale palermo




É stato rintracciato il conducente della vettura che giovedì 13 ottobre non ha prestato soccorso al motociclista ora ricoverato in prognosi riservata.

L’incidente tra i due mezzi, avvenuto nella zona di via Oreto, ha causato lesioni gravi al conducente della moto. Nella giornata di ieri, la U.O. Infortunistica ha rintracciato ed identificato il conducente dell’auto che si era dato alla fuga senza prestare alcun soccorso.

La Polizia Municipale intervenuta, per i rilievi, ha rinvenuto sul posto pochi frammenti lasciati dall’auto datasi alla fuga, grazie ai quali è stato possibile risalire alla casa tedesca produttrice dell’auto, alla marca, modello, colore ed anno di costruzione del veicolo.

Incrociando questi dati con testimonianze, dati parziali della targa riferiti dagli astanti e la visione delle telecamere di sorveglianza della zona si è potuto ridurre il numero di veicoli immatricolati a Palermo del medesimo tipo ed anno di costruzione. Con la collaborazione della U.O. Giudiziaria  e di quella di Polizia Stradale, che si è messa alla ricerca del mezzo su tutto il territorio, l’auto è stata rinvenuta in sosta in zona C.so Finocchiaro Aprile e sequestrata. Si è verificato che i frammenti raccolti sul luogo del sinistro combaciavano perfettamente con la calandra danneggiata dell’auto, avendo conferma della bontà delle indagini.

Si è quindi rintracciato il proprietario nonostante questi avesse cambiato indirizzo ed è stato acclarato che il conducente datosi alla fuga era regolarmente assicurato ed in regola con i documenti. Grazie all’azione investigativa sinergica il caso è stato risolto in pochissimi giorni. La Polizia Municipale di Palermo continua ad invitare tutti ad una maggior prudenza alla guida e ad un maggior senso civico, evidenziando come sia oramai ben difficile sfuggire alle indagini in caso di fuga.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!