Lutto Termini Imerese: la comunità piange Michele Longo

IL CORDOGLIO DI ENZO GIUNTA

Condividi questo articolo




Michele Longo: “‘U Baruneddu” così lo chiamava con affettuoso rispetto la mitica signora Crocetta, che ci ospitava nella casa del vecchio centro storico di Agrigento, adibita a “stanza in famiglia”.
Lui al Banco di Sicilia, io alla Cassa di Risparmio, abbiamo vissuto assieme l’esperienza del primo lavoro e di vivere per la prima volta lontani dalla famiglia. Lontani si, perché raggiungere Agrigento da Termini Imerese, negli anni 60 del secolo scorso, era un impresa.
Le nostre strade si divisero quando a ciascuno di noi arrivò l’auspicato avvicinamento a Termini Imerese.
Michele, che come me non aveva particolari conoscenze dell’economia e della finanza, si impegnò nell’attività bancaria con particolare determinazione che gli consentì di farsi apprezzare dai superiori e di ottenere numerosi riconoscimenti professionali e di carriera.
Pur dedicandosi con intelligenza e spirito di sacrificio al lavoro, al centro dei suoi interessi ci fu sempre la famiglia, la moglie Enza e i figli Angela e Pier Michele. Ma trovava anche il tempo per coltivare la passione per la fotografia, dove si manifestò vero artista, con raffinata sensibilità e capacità di cogliere aspetti salienti della vita, dei costumi, delle tradizioni e della Società.
Da pensionato il suo impegno culturale fu sempre più intenso, fino ad affrontare problematiche di grande interesse storico e letterario. Le sue pubblicazioni, infatti, hanno aperto intensi dibattiti tra esperti per la originalità delle tesi prospettate.
Sono passate poche settimane dalla sua ultima mostra al Museo Civico, che ha rappresentato il saluto di un artista alla Città, al comprensorio e alla Sicilia.
Ciao “Baruneddu”, sarai già a discutere con la tua cara Enza di Stesicoro e di Omero e di come cercare altre prove scientifiche per dimostrare che erano la stessa persona.
Nel frattempo, fai qualche foto del Paradiso e, eludendo i controlli di San Pietro, falle pervenire qui per una mostra che sarà un nuovo successo.

Enzo GIUNTA


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!