Giovane vittima incidente con bici elettrica operata a Palermo: il plauso del papà all’equipe dell’Ingrassia

Ospedale Ingrassia Palermo




UN UTENTE SCRIVE ALLE REDAZIONI ED ALL’ASP: “BRAVI I MEDICI DELL’ORTOPEDIA DELL’INGRASSIA CHE HANNO OPERATO MIA FIGLIA, PROFESSIONALITA’ E GRANDE SENSO DI UMANITA’” 

 

Un brutto incidente a seguito di una caduta dalla bicicletta elettrica, il ricovero all’ospedale Ingrassia e l’operazione nel reparto di Ortopedia e Traumatologia (diretto da Ferdinando Granata) al piatto tibiale della gamba sinistra.

“Che la sanità funzioni non è impossibile” scrive in una lettera inviata alle redazioni regionali ed all’Asp di Palermo il padre della giovane ragazza vittima dell’incidente. “Si parla tanto di sanità e spesso purtroppo di tante carenze e di tanti disagi per i degenti – aggiunge il papà della ragazza – credo utile e dovuto che venga segnalato ciò che si rivela diverso che come cittadini dobbiamo riconoscere con orgoglio. A cominciare dal primario (Ferdinando Granata, ndr) che ha felicemente operato, agli assistenti, all’intero personale sanitario. Voglio esprimere la mia gratitudine per aver dato a mia figlia, a me e alla famiglia coinvolta, la possibilità di gestire giorni difficili supportati da professionalità, disponibilità e grande senso di umanità. Tanto voglio dire – conclude –  perché anche una brutta situazione, può lasciare persino buoni ricordi, persino amicizie, trasformarsi in una esperienza che va valutata con attenzione”. 

Nel report 2020 dell’Agenas, l’Ortopedia dell’Ospedale Ingrassia di Palermo è presente in tutte le classifiche di valutazione: prima struttura pubblica in Sicilia per la protesi della spalla, più del 60% degli interventi di frattura del collo del femore effettuati entro due giorni dal trauma e valutazione positiva anche per la frattura della tibia e perone. (nr)


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Himeralive.it





Scritto da:

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi alla redazione!